Perle Dimenticabili

Tasmin Archer – Sleeping Satellite

Tasmin Archer - Sleeping Satellite

Perle Dimenticabili tira fuori pezzi deprecabili e assurdi, trovati conservati, per strani motivi, nel mio personale etere.

Vediamo oggi cosa esce fuori... 🙂

Tasmin Archer - Sleeping Satellite

Tipico one shot degli anni 90 che ci veniva propinato dal MTV o dal Festivalbar di turno, canzone "facile" e carina che dopo un po' di tempo ha già rotto i coglioni.


Sleeping Satellite è un brano musicale pop inciso nel 1992 da Tasmin Archer e pubblicato come singolo che anticipò l'uscita dell'album Great Expectations; autori del brano sono la stessa Tasmin Archer, John Beck e John Hughes. Si tratta del singolo di debutto della cantante britannica.

Il disco, pubblicato su etichetta EMI e prodotto da Julian Mendelsohn e Paul Wickens, raggiunse il primo posto delle classifiche nel Regno Unito, il terzo in Italia, il quarto in Svezia e il quinto in Svizzera.

Significato del testo
« I blame you for the moonlit sky [...]
Don't blame this sleeping satellite »
(Sleeping Satellite (1992))

Il testo della canzone fa riferimento alle missioni Apollo degli anni 1960, caratterizzato come "la più grande avventura dell'uomo"; il satellite dormiente del titolo è la Luna.

Sleeping Satellite fa riferimento all'avventura dell'uomo sulla luna ed è stato scritto nell'estate del 1989, al momento del 20º anniversario del primo sbarco, con equipaggio, sulla Luna. La canzone è da intendere come un commento sui 20 anni trascorsi dal momento in cui il piccolo progresso del primo sbarco sembrava essere solo l'inizio dei viaggi di esplorazione dello spazio. Non è da intendere come contrario ai viaggi nello spazio, è esattamente l'opposto e lamenta il fatto che, al momento della ricorrenza, l'esplorazione spaziale non è progredita come si sperava da quel primo straordinario evento.


Tasmin Archer (Bradford3 agosto 1963) è una cantante britannica.

Il suo maggior successo è rappresentato, in termini di singoli, dal brano Sleeping Satellite (1992), che ha raggiunto la prima posizione delle classifiche di vendita britanniche ed irlandesi e che ha trascinato il suo album d'esordio.

Ha vinto il BRIT Awards 1993 nella categoria "Rivelazione britannica".

Video

US Version

Live 1992

Alcuni testi in questo articolo sono estratti da Wikipedia