Perle Dimenticabili

Lene Marlin – Unforgivable Sinner

Lene Marlin - Unforgivable Sinner

Perle Dimenticabili tira fuori pezzi deprecabili e assurdi, trovati conservati, per strani motivi, nel mio personale etere.

Vediamo oggi cosa esce fuori... 🙂

Lene Marlin - Unforgivable Sinner

Quando negli anni passati una ragazza molto giovane esplodeva come cantante era sempre un evento, non c'erano i talent e i pochi teenager erano trovati da veri scout e senza alcuna selezione di migliaia di persone.

Era il 1998 e una ragazza bionda norvegese di soli 18 anni raggiunge le classifiche di tutti i paesi europei con Unforgivable Sinner, discreta canzone pop, ed a seguire un album che si rivela sulla stessa qualità del singolo.

Il successo planetario non giova però alla giovane ragazza che tenterà anche il suicidio, per poi musicalmente spegnersi negli anni a seguire.


Song

Unforgivable Sinner è un singolo della cantautrice norvegese Lene Marlin, il primo estratto dal primo album in studio Playing My Game e pubblicato il 18 ottobre 1998.

La cantante norvegese, che all'epoca dell'uscita del disco era appena maggiorenne, è anche l'autrice del testo e della musica. Il brano ottiene un successo enorme in patria, dove è inserito nella colonna sonora del film Schpaa, di Erik Poppe, ma anche in altri paesi europei come l'Italia, partecipando, tra i tanti programmi televisivi, anche al Festivalbar.

Il brano fa vincere alla cantante l'MTV Europe Music Award come "miglior artista nordico".

Video musicale

Esistono tre versioni del video di Unforgivable Sinner.

Nella prima versione, girata a Oslo e destinata alla sola televisione norvegese, la cantante, visibilmente adolescente, indossa la duplice veste di angelo e musicista ambulante, insieme a scene in notturna dove Lene cammina cantando. Facendo da canzone portante alla colonna sonora dell'importante film norvegese Schpaa, è possibile notare diverse scene tratte dal film stesso.

La versione pubblicata per il mercato europeo è stata girata nella stazione ferroviaria di Toronto, ed è completamente diversa dalla precedente, i toni portanti sono quelli del blu e c'è un parallelismo tra la cantante e il passeggero, personaggio maschile del video, e i due baby-protagonisti. Il video si conclude con alcune frasi che appaiono nel tabellone destinato agli orari dei treni, dove è possibile leggere: The future will not remember, the past will not forget.

La terza versione, destinata esclusivamente al mercato americano e inglese (dato che nel Regno Unito non vi era stata alcuna promozione in precedenza) è stata completamente girata a New York. Sono facilmente riconoscibili il Ponte di BrooklynTimes Square e le Torri Gemelle. Il video calca molto le atmosfere di Sitting Down Here, tra il metropolitan chic e il gitano; vengono alternate scene sia in diurna che in notturna.

In questa versione, a vestire i panni dell'angelo non è più la cantante, come nella prima versione, ma una modella esile dai capelli biondi, lunghi e mossi. Lene, che canta principalmente all'interno di un'automobile e fuori di una roulotte metallica, per la prima e unica volta ha i capelli scuri e un trucco leggermente più marcato del solito.


Album

Playing My Game è il primo album della cantante norvegese Lene Marlin, uscito sul mercato europeo il 27 aprile 1999.


Artist

Lene Marlin Pedersen (Tromsø17 agosto 1980) è una cantantemusicista e compositrice norvegese.

Ha debuttato nel 1998 riscuotendo un grande successo con il singolo Unforgivable Sinner, inserito nel suo album di debutto Playing My Game, di grande successo in Europa nel 1999 grazie anche ad altri singoli come Sitting Down Here e Where I'm Headed. Ha ripetuto il successo del primo disco, seppure con risultati lievemente minori, pubblicando il suo secondo album, Another Day, supportato dall'omonimo singolo, da You Weren't There e da Sorry. Minore successo ha invece ottenuto con il successivo Lost in a Moment, con il quale comunque si è fatta conoscere nel continente asiatico. Con il suo quarto disco, Twist the Truth, del 2009, ha riscosso un discreto successo in Norvegia.

Vita privata

Lene è cresciuta fino all'età di sei anni nel villaggio di Stordalstrand, costituito da sei abitazioni, insieme ai genitori ed al fratello maggiore Rune, per poi trasferirsi nella vicina cittadina di Tromsø dove è rimasta fino alla maggiore età. In seguito si è trasferita ad Oslo per motivi lavorativi. Nel 2014 Lene ha dichiarato ad Aftenposten di aver tentato di suicidarsi quando aveva 19 anni a seguito di un crollo emotivo dovuto alla sua improvvisa notorietà e alle pressioni lavorative che ne conseguivano.

Lene ha una relazione con l'attore norvegese Kåre Conradi dal 2008.

Video (version 2)

Version 1

Version 3

Festivalbar 1999

Sitting Down Here

Alcuni testi in questo articolo sono estratti da Wikipedia