Foo Fighters – Walk

Foo Fighters - Walk

Rui Cardo Suggestions presenta grandi classici e perle nascoste, versioni ufficiali e live ricercati.

Enjoy! 😉


Foo Fighters - Walk

Song

Walk è un singolo del gruppo musicale statunitense Foo Fighters, pubblicato il 7 giugno 2011 come terzo estratto dal settimo album in studio Wasting Light.

Nel 2012 ha vinto il Grammy Award alla miglior canzone rock.

Descrizione

Secondo quanto dichiarato dal frontman Dave GrohlWalk è stata composta dopo aver aiutato sua figlia Violet Maye ad "imparare a camminare" (learning to walk infatti è una frase del ritornello del brano) e quando alla fine era ormai in grado di farlo da sola.

Il brano doveva probabilmente essere incluso nell'album del 2007 Echoes, Silence, Patience & Grace, ma Grohl ha deciso di inserirlo come brano conclusivo di Wasting Light perché «dà un senso al tema dell'album che è il tempo e le seconde opportunità», e per «concludere il disco con una nota positiva».

Video musicale

Il video del brano, diretto da Sam Jones, è stato pubblicato in anteprima online il 2 giugno 2011 e si ispira al film di Joel Schumacher del 1993 Un giorno di ordinaria follia.

Grohl, bloccato nel traffico con la sua auto, decide di raggiungere i suoi compagni di gruppo attraversando a piedi la città. Qui però, in una giornata per lui non propriamente fortunata, s'imbatte in diversi tipi loschi (in realtà impersonati dagli altri componenti del gruppo) pronti a intralciargli il percorso.

Per Grohl è l'occasione di dar libero sfogo alla sua rabbia e infatti, senza lasciarsi prendere dal panico lotta contro tutti i personaggi adoperando anche metodi non leciti. Dopo essere arrivato nel luogo d'appuntamento per le prove del gruppo Grohl deve fare però i conti con le "infrazioni" compiute; viene infatti messo fuori combattimento dall'intervento di alcuni agenti della polizia che non gli risparmiano una massiccia dose di scarica elettrica.

Il video ha trionfato ai MTV Video Music Awards 2011 nella categoria miglio video rock.


Album

Wasting Light è il settimo album in studio del gruppo musicale statunitense Foo Fighters, pubblicato il 12 aprile 2011 dalla Roswell e dalla RCA Records.

Da quando il frontman Dave Grohl aveva deciso di volere un album che catturasse l'essenza dei primi lavori del gruppo ed evitasse l'artificiosità della registrazione digitale, il gruppo ha registrato il materiale all'interno del garage di Grohl, situato a Encino (California), con il solo impiego di apparecchiature analogiche.

Le sessioni sono state supervisionate dal produttore Butch Vig, con il quale Grohl aveva lavorato all'album Nevermind dei Nirvana. Dal momento che il vecchio equipaggiamento non permetteva la correzione degli errori durante la fase di post-produzione, i Foo Fighters trascorsero tre settimane a provare i singoli brani, e Vig dovette imparare le vecchie tecniche di editing attualmente non più impiegate.

Il sound

Per l'album, il gruppo ha optato l'impiego di un sound più duro e pesante in contrasto con le sperimentazioni musicali affrontate nei precedenti lavori, e buona parte dei testi composti da Grohl riflettono la sua vita e il futuro possibile. Al disco hanno partecipato in alcune tracce musicisti d'eccezione, quali Bob Mould e Krist Novoselic, oltre ad aver visto il ritorno del chitarrista Pat Smear come membro permanente, dopo che egli abbandonò i Foo Fighters dopo la pubblicazione di The Colour and the Shape ma ritornando nella formazione nel 2006, esclusivamente come turnista.

Le sessioni di registrazione sono state documentate per i fan attraverso il sito ufficiale e il loro profilo di Twitter, e la promozione dell'album ha incluso il documentario Foo Fighters: Back and Forth e il Wasting Light Tour, il quale ha incluso alcuni concerti eseguiti nei garage dei fan.

Wasting Light è stato anticipato dal singolo di successo Rope, il quale ha debuttato alla prima posizione nella classifica Mainstream Rock Songs stilata da Billboard (successivamente anche il singolo Walk ha raggiunto tale posizione), ed è stato un successo commerciale, debuttando alla prima posizione in dodici paesi e ricevendo recensioni positive da parte della critica musicale, i quali si sono complimentati per la produzione e per i testi.

Durante lo svolgimento dei Grammy Awards 2012Wasting Light e i suoi brani hanno fatto guadagnare ai Foo Fighters cinque Grammy Awards, tra cui quello nella categoria Miglior album rock.

Antefatti

L'idea per un nuovo album è tornata nel 2010, quando il frontman Dave Grohl si stava esibendo in Australia con i Them Crooked Vultures. Grohl ha deciso che

«dovremmo realizzare un documentario relativo la registrazione di questo nuovo album ed anche una storia del gruppo. Invece di registrare l'album nel più costoso studio di registrazione con le apparecchiature di ultima generazione, cosa potrebbe succede se io e Butch decidessimo insieme di tornare indietro di vent'anni e rispolverare i registratori a nastro per metterli nel mio garage?»

Più tardi, Grohl ha spiegato che Vig era portato per la produzione e che il disco sarebbe potuto essere «quell'album che definisce un po' il gruppo: potrebbe non essere il loro album migliore, ma è quello che la gente identifica maggiormente con la band, come Back in Black degli AC/DC o il Black Album dei Metallica.

È come prendere tutte le cose che la gente considera caratteristiche principali del tuo gruppo per poi amplificarle giusto un po' e realizzare un semplice album. E questo è una sorta di quello che ho pensato che potremo fare con Butch, perché lui possiede un gran senso di eliminare il superfluo e di rendere più sensato il resto».

Il garage

Grohl inoltre ha utilizzato il tour con i Them Crooked Vultures per trasformare le idee musicali in demo, successivamente portati al batterista Taylor Hawkins per essere ulteriormente sviluppati. Al riguardo, Vig ha spiegato:

«Arrivato a casa [di Dave Grohl] , la cosa che mi ha detto era "Voglio davvero realizzare tutto questo nel mio garage." Quindi, siamo andati al piano di sotto e abbiamo impostato un rullante. Ho detto: "Beh, suona davvero forte, ma non vedo perché non possiamo farlo." Poi mi ha detto che voleva registrare sui nastri e non sui computer e l'ho guardato stupito; ho prodotto molti album in questa maniera, e non solo per gli ultimi dieci anni.

Ma Dave voleva davvero che [l'album] venisse concepito per il suono e per le performance. Avevano appena suonato in alcuni concerti al Wembley Stadium, e lui mi ha detto "Abbiamo ottenuto così grande successo, che cosa ci resta da fare? Potremo tornare allo Studio 606 e realizzare un album grande e liscio come l'ultimo oppure potremo provare a catturare l'essenza dei primi album dei Foo Fighters."»

A differenza dei due album precedenti del gruppo, Wasting Light è stato infatti registrato nel garage di Grohl a Encino (California), anziché nella casa-studio del gruppo, lo Studio 606.

Riguardo a questa decisione, Grohl ha spiegato che

«c'è poesia nell'essere il gruppo che può realizzare il tutto esaurito al Wembley Stadium ma produrre un album in un garage. Perché andare necessariamente dentro nello studio più costoso con il più grande produttore e con l'attrezzatura più all'avanguardia? Dov'è il rock and roll in tutto questo?»

Inoltre, il frontman ha aggiunto che era un modo per «fare qualcosa che mettesse al primo posto il sound», innovativo, rompere le aspettative della gente e «realizzare dischi nel modo in cui venivano realizzati un tempo».

Interamente analogico

L'album è stato registrato utilizzando interamente equipaggiamento analogico fino al processo di post-mastering. Grohl ha spiegato che è stato fatto in questo modo perché la registrazione digitale va sempre di più fuori controllo:

«Quando ascolto la musica di questi giorni, ascoltando Pro Tools e la batteria che suona come una macchina, essa succhia la vita della musica.»

Sempre secondo il cantante e chitarrista del gruppo, la strategia analogica avrebbe reso il sound dell'album «più crudo e un po' imperfetto», qualcosa che il chitarrista Chris Shiflett ha trovato benefico, dichiarando che il «rock and roll riguarda i difetti e le imperfezioni».

Il bassista Nate Mendel ha aggiunto che

«siamo cresciuti producendo musica sui nastri, i quali presentano un suono particolare e possiedono alcune limitazioni»

mentre il batterista Taylor Hawkins ha affermato che la registrazione digitale nel rock and roll contemporaneo porta a un suono artificiale:

«i gruppi di oggi suonano un po', e poi manipolano la registrazione attraverso un computer, in modo da ottenere un sound che suoni in un certo modo.»

Hawkins inoltre ha aggiunto che un progetto analogico avrebbe aiutato il gruppo a reclamare la propria libertà artistica.


Artist

Foo Fighters sono un gruppo musicale alternative rock statunitense fondato a Seattle nel 1994 dal musicista Dave Grohl, ex batterista dei Nirvana.

Nato dopo lo scioglimento dei Nirvana successivo alla morte di Kurt Cobain, il gruppo deriva il proprio nome dal termine foo fighter, espressione usata per indicare, durante la seconda guerra mondiale, quegli strani avvistamenti aerei riferiti da alcuni piloti alleati, simili a quelli che generalmente vengono chiamati UFO.

Prima della pubblicazione del disco di esordio, Foo Fighters (1995), in cui l'unico membro ufficiale del gruppo risultava Grohl come chitarristacantantebassista e batterista, l'ex batterista dei Nirvana reclutò Nate Mendel al basso e William Goldsmith alla batteria, entrambi dei Sunny Day Real Estate, a cui si aggiunse il chitarrista turnista dei Nirvana Pat Smear.

Goldsmith lasciò la band durante le registrazioni del secondo album della band, The Colour and the Shape (1997), per incomprensioni con Grohl, che incise da sé molte delle parti di batteria. Poco dopo lasciò il gruppo anche Smear, che si sarebbe riunito al sodalizio solo nel 2005.

I due furono sostituiti da Taylor Hawkins alla batteria e Franz Stahl alla chitarra, quest'ultimo tuttavia licenziato prima dell'uscita del terzo disco della band, There Is Nothing Left to Lose (1999). I Foo Fighters proseguirono come trio per un breve periodo, prima dell'ingresso di Chris Shiflett come chitarrista solista dopo l'uscita di There Is Nothing Left to Lose.

Foo Fighters - Walk

Video

Lyrics

A million miles away
Your signal in the distance
To whom it may concern
I think I lost my way
Getting good at starting over
Every time that I return

(chorus)
I'm learning to walk again
I believe I've waited long enough
Where do I begin?

(chorus)

Do you remember the days
We built these paper mountains
And sat and watched them burn?
I think I found my place
Can't you feel it growing stronger?
Little conquerors

(chorus)(x2)

Now
For the very first time
Don't you pay no mind?
Set me free again
You keep alive a moment at a time
But still inside a whisper to a riot
To sacrifice but knowing to survive
The first decline another state of mind
I'm on my knees, I'm praying for a sign
Forever, whenever
I never wanna die (x3)

I'm on my knees I never wanna die
I'm dancing on my grave I'm running through the fire
Forever, whatever
I never wanna die
I never wanna leave I'll never say goodbye
Forever, whatever (x2)

(chorus)(x4)

Testo

Un milione di miglia lontano
Il tuo segnale in lontananza
A chi possa interessare
Credo di aver perso la mia strada
Diventando sempre più bravo a ricominciare
Ogni volta che ritorno

(rit.)
Sto imparando a camminare di nuovo
Credo di avere aspettato abbastanza
Da dove comincio?

(rit.)

Ti ricordi i giorni
in cui abbiamo costruito queste montagne di carta
E ci siamo seduti e abbiamo guardato come bruciavano
Penso di aver trovato il mio posto
Non senti che sta crescendo più forte?
Piccoli conquistatori

(rit.)(x2)

Adesso
Per la prima volta
Non si paga nessuna bugia
Liberami di nuovo
Mantieni vivo un momento alla volta
Ma ancora all'interno di un sussurro a un bugiardo
Per sacrificare ma sapere come sopravvivere
Il primo a trovare un altro stato d'animo
Io sono in ginocchio, sto aspettando un segno
Sempre, ogni volta
Non voglio morire mai (x3)

Io sono in ginocchio Non voglio morire mai
Danza sulla mia tomba correndo attraverso il fuoco
Sempre, qualsiasi cosa accada
Non voglio morire mai
Non voglio lasciare mai non dirò mai addio
Sempre, qualsiasi cosa accada(x2)

(rit.)(x4)

Letterman

Live

Contest