Led Zeppelin – Babe I’m Gonna Leave You

Led Zeppelin - Babe I'm Gonna Leave You

Rui Cardo Suggestions presenta grandi classici e perle nascoste, versioni ufficiali e live ricercati.

Enjoy! 😉


Led Zeppelin - Babe I'm Gonna Leave You

Song

"Babe I'm Gonna Leave You" is a folk song written by Anne Bredon (then known as Anne Johannsen) in the late 1950s. It was recorded by Joan Baez (credited and became widely popular as "traditional") and released on her 1962 album Joan Baez in Concert, Part 1; and by the English rock band Led Zeppelin, who included it on their 1969 debut album Led Zeppelin.


Album

Led Zeppelin (conosciuto anche come Led Zeppelin I) è l'album di debutto del gruppo britannico Led Zeppelin, pubblicato il 12 gennaio 1969 negli Stati Uniti d'America e il 31 marzo dello stesso anno nel Regno Unito dalla Atlantic Records. Babe I'm Gonna Leave You fa parte dell'album.

L'album è spesso annoverato tra le pietre miliari della storia del rock. La rivista statunitense Rolling Stone lo ha inserito alla 29ª posizione nella sua lista dei 500 migliori album.

Il disco

L'album è fortemente influenzato dal blues, soprattutto da Willie Dixon, del quale vengono riproposte You Shook Me e I Can't Quit You Baby. I Led Zeppelin stravolgono i brani originali portando avanti il progetto di blues psichedelico iniziato dai Cream.

Le registrazioni dell'album si svolsero con celerità, anche in virtù dei brani, che erano già stati ampiamente provati dagli Yardbirds (How Many More TimesCommunication Breakdown e soprattutto Dazed and Confused) e portati in concerto dai New Yardbirds, dai quali gli Zeppelin discenderanno per iniziativa del leader Jimmy Page.

Led Zeppelin viene spesso indicato come uno dei dischi cardine dell'evoluzione del rock nel periodo a cavallo tra gli anni sessanta e gli anni settanta. Jimmy Page diventerà uno dei chitarristi più amati ed influenti della storia del rock (fino a quel momento era un apprezzato session man), mentre il talento di John Paul Jones emerge dai confini provinciali.

Vengono inoltre lanciati sul panorama musicale due perfetti sconosciuti: il cantante Robert Plant e il batterista John Bonham. Musicalmente, ha segnato una svolta significativa nell'evoluzione dell'Hard rock e dell'allora nascente Heavy metal.

La copertina

L'esplosione dello Zeppelin Hindenburg, rappresentato sulla copertina dell'album
Anche la copertina dell'album è passata alla storia del rock. Essa è un vero emblema delle grandi immagini rivisitate: rielaborando un fotogramma del disastro dello Zeppelin LZ 129 Hindenburg avvenuto il 6 maggio 1937, il gruppo crea subito un simbolo forte e riconoscibile, famoso in tutto il mondo, che si lega indissolubilmente alla loro musica (il fuoco e le fiamme che animano il loro rock blues) e alla loro immagine. La scelta di simboli speciali è una costante del periodo, si pensi agli Yes con Roger Dean.

La nipote del Conte von Zeppelin, Contessa Eva von Zeppelin, minacciò di querelare i Led Zeppelin per uso illegale del nome di famiglia, durante una loro esibizione a Copenaghen nel 1970, dopo aver visto la copertina dell'album che agganciava il nome Zeppelin alla tragedia dell'Hindenburg.

Storia e curiosità dei brani

L'album inizia con un brano energico e aggressivo (scelta che poi diventerà un marchio di fabbrica del gruppo), Good Times, Bad Times; stesse coordinate segue il classico Communication Breakdown. I due potenti brani incorniciano una serie di pezzi blues e psichedelici: You Shook Me e I Can't Quit You Baby.

Il primo è un blues registrato da Muddy Waters nel 1962; la riscoperta di Page è sorprendente ma riprende qualcosa di una precedente versione di Jeff Beck. Il secondo è un pezzo originariamente inciso nel 1956 da Willie Dixon. I Led Zeppelin hanno sempre dimostrato un grande fascino per le sonorità blues, tanto che in quasi tutti i loro album vengono riscoperti e rielaborati brani e melodie del repertorio blues afroamericano.

La tendenza della band di non segnalare i compositori originali dei brani presi a prestito, attribuendosi quindi il merito della loro creazione, sfociò in una serie di cause legali con l'accusa di plagio, come accadrà anche per l'album Led Zeppelin II. Page si giustificò affermando che nel blues è cosa comune che gli artisti condividano idee musicali tra di loro e le rielaborino secondo la loro particolare sensibilità, per cui l'operazione effettuata dagli Zeppelin era concettualmente lontana dal plagio vero e proprio.

La canzone più importante dell'album, nonché uno dei classici del gruppo, è Dazed and Confused, caratterizzata da un celebre assolo di chitarra suonato con un archetto da violino. Dal vivo questo assolo poteva essere dilatato per oltre mezz'ora, come è testimoniato nel live The Song Remains the Same.

La canzone è in realtà un pezzo del cantautore americano Jake Holmes, pubblicato nel suo disco di esordio un paio di anni prima, riarrangiato da Jimmy Page con alcune variazioni e non accreditato al suo compositore originale, come riconosciuto formalmente anni dopo da un tribunale americano.

Babe I'm Gonna Leave You è la riscoperta di un brano folk tradizionale da parte di Page, impreziosito dalla drammatica performance vocale di Robert Plant. Vanno menzionate anche Your Time Is Gonna Come e Black Mountain Side, una seguito dell'altra: la prima è un suggestivo brano colorato dall'organo Hammond di John Paul Jones, il secondo un delizioso e complesso strumentale.

Il disco si chiude con un brano vigoroso: How Many More Times, altro potentissimo blues che contribuirà a consacrare gli Zeppelin.


Artist

I Led Zeppelin sono stati un gruppo musicale britannico formato nel 1968, considerato tra i grandi innovatori del rock e tra i principali pionieri dell'hard rock.

La loro musica, le cui radici affondano in generi diversi tra cui blues, rockabilly e folk, ha costituito una formula completamente inedita per l'epoca, finendo con l'influenzare in qualche modo tutti i gruppi rock del loro tempo e del futuro.

Il gruppo, scioltosi nel 1980, anno della morte del batterista, fu composto per l'intero periodo della sua attività da Robert Plant (vocearmonica), Jimmy Page (chitarre), John Paul Jones (bassotastiere) e John Bonham (batteriapercussioni). In seguito alla morte di Bonham, Page e Plant hanno proseguito la propria attività musicale come solisti, incidendo insieme gli album No Quarter: Jimmy Page and Robert Plant Unledded e Walking into Clarksdale e ritrovandosi occasionalmente per esibirsi dal vivo nel corso di eventi commemorativi o celebrativi.

I Led Zeppelin sono tra i gruppi di maggior successo commerciale nella storia della musica moderna: dal 1968 ad oggi il gruppo ha venduto oltre 300 milioni di dischi. Nel 2007, a seguito dell'incredibile richiesta di biglietti per la loro esibizione all'The O2 Arena di Londra (oltre 20 milioni di richieste in circa 24 ore), il gruppo è entrato nel Guinness dei primati per la "maggior richiesta di biglietti per una singola esibizione dal vivo".

Il 12 gennaio 1995 i Led Zeppelin sono stati introdotti nella Rock and Roll Hall of Fame. In una classifica stilata nel 2003 dalla rivista Rolling Stone, i Led Zeppelin risultano al 14º posto tra i 100 musicisti più importanti di tutti i tempi: la stessa Rolling Stone ha avuto modo di definire a più riprese i Led Zeppelin come "Il gruppo più heavy di tutti i tempi, indiscutibilmente uno dei gruppi più duraturi della storia del rock" e "il gruppo più importante degli anni settanta".

Nella stessa misura, la Rock and Roll Hall of Fame ha affermato che l'influenza che il gruppo ha esercitato negli anni settanta è «rilevante come quella che i Beatles hanno avuto nel decennio precedente» e l'emittente VH1 ha definito i Led Zeppelin come «il più importante gruppo rock della storia».

La discografia del gruppo comprende nove album in studio pubblicati dal 1969 al 1982. A partire dagli anni novanta hanno visto la luce diverse raccolte di brani, editi e inediti, e alcune incisioni di spettacoli dal vivo risalenti al periodo di attività. Degna di segnalazione è anche la circolazione di un cospicuo numero di bootleg sul mercato "non ufficiale".

Video

Lyrics

Babe, baby, baby, I'm Gonna Leave You.
I said baby, you know I'm gonna leave you.

I'll leave you when the summertime,
Leave you when the summer comes a-rollin'
Leave you when the summer comes along.

Baby, baby, I don't wanna leave you,
I ain't jokin' woman, I got to ramble.
Oh, yeah, baby, baby, I believin',
We really got to ramble.
I can hear it callin' me the way it used to do,
I can hear it callin' me back home!

Babe...I'm gonna leave you
Oh, baby, you know, I've really got to leave you
Oh I can hear it callin 'me
I said don't you hear it callin' me the way it used to do?
Ohhh

I know, I know
I know I never never never gonna leave your babe
But I got to go away from this place,

I've got to quit you, yeah
Ooh, baby...
Baby, ooh don't you hear it callin' me?
Woman, woman, I know, I know
It feels good to have you back again
And I know that one day baby, it's really gonna grow, yes it is.
We gonna go walkin' through the park every day.

Come what may, every day
Oooh, mama baby
I'm gonna leave you--go away

It was really, really good.
You made me happy every single day.
But now!
I've got to go away!

Baby, baby, baby, baby
That's when it's callin' me
I said that's when it's callin' me back home...

Testo

Tesoro, tesoro, tesoro, sto per lasciarti
Ho detto tesoro, lo sai che sto per lasciarti

Ti lascerò quando l'estate,
Ti lascerò quando l'estate
arriverà
Ti lascerò quando l'estate arriverà.

Tesoro, tesoro, non voglio lasciarti,
Non sto scherzando donna, devo andare
Oh, si, tesoro, tesoro, io ci credo,
Devo davvero andare
Lo sento chiamare nel modo in cui faceva prima
Lo sento chiamarmi verso casa!

Tesoro... sto per lasciarti
Oh, tesoro, lo sai, devo proprio lasciarti
Oh, posso sentire la chiamata
Ho detto, non lo senti chiamare nel modo in cui faceva prima?
Ohhh

Lo so, lo so
Lo so, non ti lascerò, non ti lascerò mai tesoro mio
Ma devo andare via da questo posto,

Devo farla finita con te, già
Ohh, tesoro..
Tesoro, ooh non senti la chiamata?
Donna, donna, lo so, lo so
È una bella sensazione riaverti indietro
E lo so che un giorno, tesoro, questo sentimento crescerà
Andremo a camminare al parco ogni giorno.

Sarà quel che sarà, ogni giorno
Ohh, tesoro mio
Sto per lasciarti, vai via

È stato bello, davvero bello.
Mi hai reso felice ogni singolo giorno.
Ma adesso!
Io devo andare via!

Tesoro, tesoro, tesoro, tesoro
È quando sento la chiamata
Ho detto che sento la sua chiamata per ritornare a casa...