Morrissey – Everyday Is Like Sunday

Morrissey - Everyday Is Like Sunday

Rui Cardo Suggestions presenta grandi classici e perle nascoste, versioni ufficiali e live ricercati.

Enjoy! 😉


Morrissey - Everyday Is Like Sunday

Song

Everyday Is Like Sunday è un brano del cantante inglese Morrissey.

Secondo singolo tratto dall'album Viva Hate, pubblicato il 31 maggio del 1988 dalla HMV Records in Inghilterra e dalla EMI in Italia, il disco raggiunse la posizione numero 9 della Official Singles Chart.

Realizzazione

Il testo, ispirato ad un viaggio del cantante a Borth, località balneare del Galles, racconta di un uomo che ripensa ad un brutto periodo passato in cui, relegato in una cittadina di mare, si ritrova senza concrete prospettive sul futuro. Secondo alcuni, nel testo, ci sarebbero forti somiglianze con la poesia Slough di John Betjeman, mentre altri suggeriscono una relazione con il romanzo On the Beach, scritto da Nevil Shute.

La copertina ritrae una foto di Morrissey, scattata da Russell Young. Sul vinile del 7" è incisa la frase: NINETEEN EIGHTY HATE. Il videoclip promozionale venne realizzato da Tim Broad con immagini girate nella città di mare di Southend-On-Sea, nell'Essex. La giovane attrice è Lucette Henderson, presente anche nei video di Stop Me If You Think You've Heard This One Before e I Started Something I Couldn't Finish, degli Smiths.

Il 27 settembre del 2010, in coincidenza con la riedizione per il ventennale della raccolta Bona Drag, è stata ripubblicata una nuova versione del singolo con l'aggiunta dell'inedita November the Second e della cover di Trash, brano dei New York Dolls. Edito in formato CDs e in doppio vinile 7", il disco ha raggiunto la posizione numero 42 della Official Singles Chart.

Cover

Nel corso degli anni il brano è stato reinterpretato da diverse band e artisti. Una versione realizzata dai Pretenders di Chrissie Hynde (amica personale di Morrissey) è contenuta nella colonna sonora del film A proposito di donne (Boys on the Side), diretto da Herbert Ross nel 1995; i 10.000 Maniacs hanno reinterpretato il brano inserendolo tra le b-sides del singolo Candy Everybody Wants, del 1992.

Sei versioni remixate del brano sono incluse nel singolo Come Armageddon del duo electro-industrial tedesco Armageddon Dildos; Colin Meloy, cantante dei Decemberists, ha interpretato il brano nel suo album tributo Colin Meloy Sings Morrissey, uscito nel 1995.


Album

Viva Hate è l'album d'esordio da solista del cantante inglese Morrissey.

Pubblicato il 14 marzo del 1988 dalla HMV Records in Inghilterra e dalla EMI in Italia, il disco raggiunse la prima posizione nella Official Albums Chart, ottenendo il disco d'oro nel marzo dello stesso anno.

Realizzazione

"Sento che è stato, più che un evento, una conquista. Penso che il pubblico era semplicemente sollevato dal fatto che ero ancora in vita. Che in sé è stata la celebrazione di Viva Hate. Sono sempre stato ferocemente autocritico e ... non è stato perfetto. E non era meglio di Strangeways, Here We Come. Ci sono almeno sei tracce che ora volentieri seppellirei nel più vicino lembo di terra. E metterei una grossa pietra in cima."

(Morrissey intervistato da The Face, 1990)

Viva Hate venne scritto da Morrissey in collaborazione con Stephen Street, che ne curò anche la produzione durante le registrazioni che si svolsero presso gli studi Wool Hall di Bath nell'inverno del 1987.

Rispondendo alla domanda del giornalista Len Brown, sull'effetto della separazione degli Smiths nella scrittura dei brani di Viva Hate, il cantante rispose che

No, non c'è stata, ma ci potrebbe essere con il prossimo disco. Suppongo che, in qualunque modo lo si guardi, Viva Hate esprime abbastanza elegantemente il modo in cui mi sono sentito immediatamente dopo la rottura, perché non appena gli Smiths si sciolsero ero praticamente in studio per fare il disco. In qualsiasi modo lo si esamina si tratta di un post-Smiths Morrissey. Ma non ci sono riferimenti amari al passato.

Per gli arrangiamenti, Street decise di cercare di mantenere quel sound di base sviluppato già con gli Smiths, ingaggiando il chitarrista, ex Durutti Column, Vini Reilly che, a posteriori, non rimase soddisfatto del proprio contributo all'album, visto anche il suo stile complesso che mal si adattava al pop facile del produttore e che comunque rimase evidente in tutto l'intero album e soprattutto in brani come Late Night, Maudlin Street o Bengali in Platforms.

Polemiche

Alcuni brani del disco provocarono diverse polemiche mediatiche, come ad esempio la conclusiva Margaret On The Guillotine, che nel testo descriveva la morte dell'allora Primo Ministro britannico, Margaret Thatcher, come un sogno meraviglioso (e che termina con il suono improvviso della ghigliottina) e per il quale Morrissey subì una perquisizione in casa da parte della polizia.

«QM: Mai avuto problemi con la polizia?

MOZ: Mai. Beh, è una bugia. Ricevetti la loro visita molto tempo fa, per una canzone che una volta ho fatto.

QM: Così la storia di "Margaret On The Guillotine" è vera?

MOZ: Naturalmente sì. Motivi ridicoli. Ma loro non hanno bisogno di motivi, hanno già un cappello buffo e un po' di manganello. Registrarono una conversazione di un'ora e perquisirono la casa alla ricerca di una ghigliottina. Curiosamente, in realtà, ne trovarono una. Credevano che fossi il nemico pubblico numero 72. E alla fine della cottura alla griglia mi chiesero di firmare autografi per le nipoti.»

(Morrissey, intervistato da Q Magazine, settembre 1995)

L'album era stato inizialmente intitolato Education In Reverse, ma Morrissey cambiò poi idea per un titolo che riflettesse meglio il suo stato d'animo generale dopo la separazione degli Smiths. Alcune versioni dell'album furono comunque pubblicate, in Australia e Nuova Zelanda, con il titolo originale. La versione statunitense contiene la bonus track Hairdresser on Fire, già pubblicata come b-side del singolo Suedehead.

Nel 1997, in occasione del Centenario della EMI, una speciale edizione rimasterizzata del disco è stata ripubblicata per il mercato inglese, con l'aggiunta di otto bonus tracks e con un artwork differente.


Artist

Morrissey, all'anagrafe Steven Patrick Morrissey (Davyhulme22 maggio 1959), è un cantautore e scrittore britannico. Considerato tra i più importanti precursori e innovatori della musica indie e britpop, Morrissey è ritenuto uno dei più grandi parolieri della storia della musica britannica e i suoi testi sono divenuti oggetto di studio accademico.

Nel 2007, il quotidiano inglese Daily Telegraph l'ha inserito nella classifica dei cento geni viventi. Nel 2008 è stato invece annoverato tra i cento grandi cantanti di tutti i tempi, in una classifica stilata dalla rivista Rolling Stone.

Giunto al successo, negli anni ottanta, come voce principale della band inglese The Smiths, nel 1987, dopo la separazione del gruppo, si avviò a una carriera solista durante la quale ha pubblicato diversi album, incrementando ulteriormente la propria popolarità a livello internazionale.

Le sue opinioni sull'industria discografica, sul vegetarianesimo e i diritti degli animali, i suoi sferzanti giudizi nei confronti della Famiglia Reale Britannica e dei vari politici internazionali, lo hanno spesso visto protagonista nel dibattito pubblico.

Video

Lyrics

Trudging slowly over wet sand
Back to the bench where your clothes were stolen
This is the coastal town
That they forgot to close down
Armageddon - come Armageddon!
Come, Armageddon! Come!

Everyday is like Sunday
Everyday is silent and grey

Hide on the promenade
Etch a postcard :
"How I Dearly Wish I Was Not Here"
In the seaside town
...that they forgot to bomb
Come, Come, Come - nuclear bomb

Everyday is like Sunday
Everyday is silent and grey

Trudging back over pebbles and sand
And a strange dust lands on your hands
(And on your face...)
(On your face ...)  (x3)

Everyday is like Sunday
"Win Yourself A Cheap Tray"
Share some greased tea with me
Everyday is silent and grey

Testo

Arrancando lentamente sulla sabbia bagnata
Per tornare sulla paca
Dove ti sono stati rubati i vestiti
Questa è la città costiera
Che si sono dimenticati di chiudere

Armageddon – vieni, Armageddon!
Vieni, Armageddon! Vieni!

Ogni giorno è come se fosse domenica
Ogni giorno è grigio e silenzioso

Nascosto sul lungomare
A raschiar via una cartolina
“Vorrei con tutto il cuore non essere qui”
Nella città costiera
Che si sono dimenticati di bombardare.
Vieni! Vieni Vieni – bomba nucleare!

Ogni giorno è come se fosse domenica
Ogni giorno è grigio e silenzioso

Arrancando di nuovo su ciottoli e sabbia
E una strana polvere si appoggia sulle tue mani
(e sul tuo viso)
Ogni giorno è come se fosse domenica
Vinci un vassoio economico
Bevi un tè economico insieme a me
Ogni giorno è grigio e silenzioso.

Live 2004

Live 2012