Suggestions

Bon Jovi – It’s My Life

Bon Jovi - It's My Life

Rui Cardo Suggestions presenta grandi classici e perle nascoste, versioni ufficiali e live ricercati.

Enjoy! 😉




Bon Jovi - It's My Life

Song

It's My Life è una canzone dei Bon Jovi, scritta da Jon Bon Jovi, Richie Sambora e Max Martin. È stata estratta come primo singolo dal settimo album in studio del gruppo, Crush, nel maggio del 2000. Tra i brani più celebri della band, raggiunse il primo posto di diverse classifiche e ottenne enorme popolarità soprattutto in Europa, anche se si piazzò solamente alla posizione numero 33 della Billboard Hot 100 negli Stati Uniti.

La canzone ebbe il merito di introdurre i Bon Jovi a una nuova generazione di fan più giovani. Nel 2003, il singolo è stato ripubblicato in versione acustica, insieme a Wanted Dead or Alive, per promuovere il disco This Left Feels Right.

Nel 2009, la canzone è invece apparsa nell'episodio Vitamina D della serie televisiva Glee, durante il quale è stata eseguita dal cast in mash-up con Confessions Part II di Usher. Questa versione ha raggiunto la posizione numero 30 della Billboard Hot 100 quello stesso anno, ottenendo dunque un risultato migliore del singolo originale nella classifica statunitense.

Informazioni sulla canzone

La canzone incorpora diversi elementi classici della musica dei Bon Jovi, come l'uso del talk box da parte di Richie Sambora e il riferimento ai due personaggi Tommy e Gina nel verso "for Tommy and Gina, who never backed down" ("per Tommy e Gina, che non hanno mai mollato"), tutti già apparsi nel famoso singolo Livin' on a Prayer del 1986.

Nel testo sono inoltre da segnalare il riferimento a Frank Sinatra, ai tempi morto da poco, e al suo celebre brano My Way nel verso "My heart is like an open highway, like Frankie said 'i did it My Way'" (lett. "il mio cuore è come un'autostrada aperta, come ha detto Frankie l'ho condotta a modo mio").

Parlando della canzone, Jon Bon Jovi ha detto:

«Mentre scrivevo It's My Life stavo in realtà pensando a comporre qualcosa riguardo alla mia vita e al mio ruolo in essa. Non mi rendevo conto, invece, di come la stessa frase "It's My Life" sarebbe potuta essere presa come modello da diverse persone - dagli adolescenti, dagli uomini, dalle donne, dagli anziani.... da chiunque. Il verso "It's My Life, and it's now or never" ("è la mia vita, ed è ora o mai più") credo rappresenti veramente un inno a vivere la vita giorno per giorno, senza pensare al futuro o al passato, ma a vivere per il momento.»

La canzone è stata nominata ai Grammy Awards 2001 per la Miglior performance rock di un duo o un gruppo, ma ha perso in favore di Beautiful Day degli U2.

Esibizioni dal vivo

Da quando è stata pubblicata, It's My Life è diventata un punto fermo in ogni concerto dei Bon Jovi, venendo inserita regolarmente in tutte le scalette dei vari tour successivi all'uscita del brano. Si tratta per cui di uno dei pochi brani del periodo 2000-2005 suonato più volte dal gruppo nel corso degli anni.

Esibizioni dal vivo della canzone sono presenti nei DVD The Crush TourLost Highway: The Concert e Live at Madison Square Garden, oltre che nell'album live One Wild Night Live 1985-2001.

I Bon Jovi hanno suonato il brano al Madison Square Garden il 20 ottobre 2001, durante lo speciale Concerto per New York City in favore delle vittime degli attentati dell'11 settembre.

Il gruppo ha inoltre eseguito la canzone durante la cerimonia inaugurale della stagione NFL 2002.

Video musicale

Il video musicale della canzone è stato diretto da Wayne Isham e vede la partecipazione degli attori Will Estes e Shiri Appleby, rispettivamente nei ruoli di Tommy e Gina. Il video inizia mostrando lo stesso Tommy che guarda in streaming sul suo computer un concerto dei Bon Jovi, quando sua madre gli chiede di andare a buttare la spazzatura.

Improvvisamente chiama Gina, presente al concerto dei Bon Jovi, e invita Tommy a recarsi lì entro cinque minuti. Quest'ultimo si precipita dunque fuori di casa e, dopo aver obbedientemente buttato la spazzatura per la madre, comincia a correre per le strade di Los Angeles attraverso alcune "mosse" di parkour nel tentativo di arrivare in tempo al concerto.

Durante il tragitto, Tommy incontra numerosi ostacoli: viene inseguito da dei cani, irrompe in una maratona, e finisce per buttarsi anche giù da un ponte. Diverse scene del video sono ispirate dal film Lola corre del 1998.

Jon Bon Jovi incontrò Will Estes sul set del film U-571 e lo scelse personalmente per il ruolo di protagonista del video.

Il videoclip di It's My Life è stato premiato da VH1 come Miglior video dell'anno nel 2000.


Album

Crush è il settimo album in studio dei Bon Jovi, pubblicato nel 2000 dalla Island Records. Divenne il quinto album consecutivo del gruppo a piazzarsi al primo posto della Official Albums Chart nel Regno Unito.

In totale, il disco arrivò a vendere oltre 15 milioni di copie nel mondo, e permise alla band di farsi conoscere anche da un pubblico più giovane, creando una loro nuova generazione di fan. L'album fece guadagnare ai Bon Jovi la loro prima nomination di sempre ai Grammy Awards, in qualità di Miglior album rock all'edizione del 2001, arrivando alla fine a piazzarsi al secondo posto dietro Supernatural di Carlos Santana.

Da Crush furono estratti tre singoliIt's My LifeSay It Isn't So e Thank You for Loving Me.

Descrizione

Per le registrazioni del nuovo disco si pensò inizialmente a un team di produttori composto da Bob Rock e Bruce Fairbairn, dal momento che entrambi avevano già collaborato in passato con il gruppo e, quindi, li conoscevano molto bene.

La prematura morte di Fairbairn (che morì nel 1999) fece, però, saltare tutti i piani previsti inizialmente, e i Bon Jovi si videro costretti a cercare un nuovo produttore. La scelta finale cadde su Luke Ebbin, che iniziò a lavorare con la band verso l'inizio del 2000.

Le sessioni di registrazione dell'album, che si svolsero presso i Sanctuary II Studio (New Jersey), furono piuttosto semplici e veloci, anche se diversi problemi creò il nome del disco; tanti furono infatti i cosiddetti "titoli provvisori", pensati dal gruppo per il suo nuovo lavoro, tra cui per esempio Sex Sells, ma alla fine si preferì optare per Crush.

Tra i molti nomi pensati per il CD ci fu però quello di One Wild Night, che poi fu dato alla penultima traccia del disco, al relativo tour, e al successivo album live pubblicato l'anno successivo.


Artist

Bon Jovi sono un gruppo musicale rock statunitense, formatosi nel 1983SayrevilleNew Jersey. La band è attualmente costituita da Jon Bon Jovi (voce), David Bryan (tastiere), Tico Torres (batteria), Hugh McDonald (basso) e Phil X (chitarra).

La formazione originaria comprendeva anche Alec John Such (basso), il quale ha lasciato la band nel 1994 in seguito a problemi personali e Richie Sambora (chitarra), che ha abbandonato il gruppo nel 2014 dopo essersi assentato per buona parte del Because We Can - The Tour nel 2013.

I Bon Jovi hanno goduto di notevole popolarità fin dagli esordi ed hanno contribuito alla nascita e allo sviluppo del movimento Hair metal, emerso negli anni ottanta. Vengono ricordati per alcuni classici del rock, alcuni considerati dei veri e propri inni generazionali: Livin' on a PrayerYou Give Love a Bad NameWanted Dead or AliveBad MedicineKeep the FaithBed of RosesAlways, e It's My Life.

Nel 2018 sono stati introdotti nella Rock and Roll Hall of Fame.

Video

Lyrics

This ain't a song for the broken-hearted
No silent prayer for the faith-departed
I ain't gonna be just a face in the crowd
You're gonna hear my voice
When I shout it out loud

(chorus)
It's my life
It's now or never
I ain't gonna live forever
I just want to live while I’m alive
(It's my life)
My heart is like an open highway
Like Frankie said, "I did it my way"
I just wanna live while I'm alive
It's my life

This is for the ones who stood their ground
For Tommy and Gina who never backed down
Tomorrow's getting harder make no mistake
Luck ain't even lucky
Got to make your own breaks

(chorus)

Better stand tall when they're calling you out
Don't bend, don't break, baby, don't back down

(chorus)

(chorus)

Testo

Questa non è una canzone per i cuori infranti
Nessuna preghiera silenziosa per i defunti
Non sarò solo un volto tra la folla
Sentirai la mia voce
Quando urlerò a voce alta

(rit.)
È la mia vita
E' ora o mai più
Non vivrò per sempre
Voglio solo vivere mentre sono vivo
(È la mia vita)
il mio cuore è come un autostrada libera
Come ha detto Frankie, "ho fatto a modo mio"
Voglio solo vivere mentre sono vivo
È la mia vita

Questo è per quelli che sono rimasti al loro posto
Per Tommy e Gina che non si sono mai voltati
Domani sarà più difficile non commettere errori
Nemmeno la fortuna è fortunata
Devi crearti il tuo destino

(rit.)

Meglio puntare in alto quando ti affrontano
Non piegarti, non spezzarti, baby, non voltarti

(rit.)

(rit.)




Live




Live 2000




Live 2020