Suggestions

Bob Dylan – Tangled Up In Blue

Bob Dylan - Tangled Up In Blue

Rui Cardo Suggestions presenta grandi classici e perle nascoste, versioni ufficiali e live ricercati.

Enjoy! 😉




Bob Dylan - Tangled Up In Blue

Song

Tangled Up in Blue è un brano musicale scritto ed eseguito dal cantautore statunitense Bob Dylan, incluso nell'album Blood on the Tracks del 1975. Pubblicata su singolo (B-side: If You See Her, Say Hello), la canzone raggiunse la posizione numero 31 nella classifica Billboard Hot 100.

La rivista Rolling Stone ha inserito il brano alla posizione numero 68 nella lista delle 500 migliori canzoni di sempre da loro redatta.

Il brano

Tangled Up in Blue è uno dei più chiari esempi del tentativo da parte di Dylan di scrivere canzoni "multi-dimensionali" che definiscano concetti indefinti di spazio e tempo. All'epoca Dylan era influenzato dai suoi studi sulla pittura e sulla corrente artistica del Cubismo, che si prefiggeva di rappresentare figurativamente la realtà incorporando punti prospettici diversi all'interno di un singolo punto di vista.

Neil McCormick nel 2003 definì la canzone: "Un'epopea davvero straordinaria del personale, una narrazione inaffidabile scavata fuori da ricordi passati come un musical su Proust della durata di cinque minuti e mezzo". Nel corso di un'intervista del 1978, Dylan spiegò lo stile di scrittura impiegato nel brano:

«Quello che c'è di diverso è la presenza di un codice tra le parole del testo, ed inoltre non c'è un senso del tempo. Non c'è rispetto per esso. Hai ieri, l'oggi e il domani tutti insieme nella stessa stanza, e c'è veramente poco da immaginare che non stia succedendo».

Il testo è alle volte di difficile decifrazione, ma l'argomento della canzone sembra essere (come nella maggior parte dell'album) il racconto di un amore ormai finito, anche se non per scelta.

Dylan riscrisse più volte il testo del brano, persino anche dopo la pubblicazione della canzone sul disco. Per esempio, la versione dal vivo contenuta nell'album Real Live ha un testo radicalmente differente. Nella prima versione incisa in studio a New York nel settembre 1974, Dylan cantava alcune strofe in terza persona, in contrasto con il punto di vista personale in prima persona della versione presente in Blood on the Tracks.

Secondo Bob Dylan, la versione migliore della canzone è quella inclusa nell'album Real Live del 1984. Inoltre, egli affermò come per creare la canzone ci fossero voluti "dieci anni di vita e altri due per comporla".


Album

Blood on the Tracks è un album del cantante statunitense Bob Dylan, pubblicato nel 1975 dalla Columbia Records. L'album raggiunse la prima posizione nella classifica pop di Billboard, in Nuova Zelanda e Canada, la seconda in Norvegia, mentre nella corrispondente classifica inglese raggiunse la quarta posizione e la quinta in Olanda.

Il singolo Tangled Up in Blue si piazzò alla posizione 31 della classifica dei singoli pop. Blood on the Tracks è uno degli album dell'artista ad avere realizzato le maggiori vendite. Ha infatti guadagnato un disco d'oro (12 febbraio 1975) e 2 di platino (il primo il 9 agosto 1989, il secondo il 14 novembre 1994).

È inoltre presente nella lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone alla posizione 16, e nella classifica dei 100 migliori album della rivista Q, alla posizione 23.

Descrizione

Le canzoni che compongono Blood on the Tracks sono state generalmente interpretate da critica e pubblico come un riflesso dei tumulti personali che Dylan stava attraversando all'epoca, in particolare la sua separazione dalla prima moglie Sara Lownds.

In realtà, Dylan non ha mai voluto confermare questa ipotesi, e nella sua autobiografia del 2004Chronicles - Vol. 1, affermò che i brani del disco non avevano niente a che fare con la sua vita privata, e che erano stati ispirati dalla lettura dei racconti di Anton Čechov.

Tutte le dieci canzoni dell'album furono originariamente registrate a New York e prodotte da Phil Ramone. Quando la Columbia aveva già preparato gli acetati definitivi per la stampa dell'LP, Dylan cambiò idea sugli arrangiamenti dei brani, e volle ri-registrare cinque delle canzoni a Minneapolis con un gruppo di musicisti locali assemblati da suo fratello, il produttore David Zimmerman.

Le teorie sul perché Dylan abbia così drasticamente voluto riscrivere l'album sono molteplici, una delle più note è quella che Dylan abbia ritenuto gli arrangiamenti dei brani troppo scarni e monotoni, con le canzoni troppo simili tra loro. È stato anche detto che, solo due settimane prima dell'uscita di Blood on the Tracks, Dylan suonò un acetato di prova del disco a suo fratello, e che il commento negativo dello stesso lo abbia portato a rimettere mano ai brani dell'album.

Bootleg

Nonostante la versione originaria del disco sia stata ampiamente resa disponibile su bootleg, solamente una delle cinque versioni originarie dei brani reincisi è stata pubblicata ufficialmente (You're a Big Girl Now sull'album del 1985 Biograph).

Versioni alternative di Tangled Up In BlueIdiot Wind, e If You See Her, Say Hello provenienti dalle stesse sessioni sono state pubblicate in The Bootleg Series, Vol. 1-3, insieme a Call Letter Blues, un inedito poi scartato. Up To Me, altra outtake delle stesse sedute di registrazione, venne pubblicata su BiographLily, Rosemary and the Jack of Hearts è l'unica canzone delle sedute di New York a non essere stata ancora pubblicata ufficialmente.

Il disco è ritenuto il lavoro migliore del Dylan degli anni settanta, in grado di rivaleggiare con i suoi capolavori più celebri degli anni sessanta. A proposito della popolarità dell'album presso i fan e la critica, Dylan disse (durante una intervista radiofonica con Mary Travers): «Un sacco di persone mi dicono che amano quell'album. È difficile per me capirne il perché. Voglio dire, alle persone piace quel tipo di dolore?».

Secondo il giornalista musicale Jimmy McDonough, prima dell'uscita di Blood on the Tracks, Dylan si recò a far visita a Neil Young nella sua casa in Florida, per chiedere la sua opinione circa i brani del disco.


Artist

Bob Dylan (Duluth24 maggio 1941) è un cantautore, compositore, musicista e poeta statunitense.

Nato Robert Allen Zimmerman ha legalmente cambiato il suo nome in Bob Dylan nell'agosto 1962. Distintosi anche come scrittore, poeta, pittore, scultore e conduttore radiofonico, si è imposto come una delle più importanti figure a livello mondiale in campo musicale, in quello della cultura di massa e in quello della letteratura.

Oltre ad aver di fatto creato la figura del cantautore contemporaneo, a Dylan si devono, tra le altre cose, l'ideazione del folk-rock (in particolare con l'album Bringing It All Back Home, 1965), il primo singolo di successo ad avere una durata non commerciale (gli oltre 6 minuti della celeberrima Like a Rolling Stone, 1965) e il primo album doppio della storia del rock (Blonde on Blonde, 1966).

Video

Lyrics

Early one mornin’ the sun was shinin’,
I was layin’ in bed
Wond’rin’ if she’d changed at all
If her hair was still red.
Her folks they said our lives together
Sure was gonna be rough
They never did like Mama’s homemade dress
Papa’s bankbook wasn’t big enough.
And I was standin’ on the side of the road
Rain fallin’ on my shoes
Heading out for the East Coast
Lord knows I’ve paid some dues gettin’ through,
Tangled up in blue.

She was married when we first met
Soon to be divorced
I helped her out of a jam, I guess,
But I used a little too much force.
We drove that car as far as we could
Abandoned it out West
Split up on a dark sad night
Both agreeing it was best.
She turned around to look at me
As I was walkin’ away
I heard her say over my shoulder,
“We’ll meet again someday on the avenue,”
Tangled up in blue.

I had a job in the great north woods
Working as a cook for a spell
But I never did like it all that much
And one day the ax just fell.
So I drifted down to New Orleans
Where I happened to be employed
Workin’ for a while on a fishin’ boat
Right outside of Delacroix.
But all the while I was alone
The past was close behind,
I seen a lot of women
But she never escaped my mind, and I just grew
Tangled up in blue.

She was workin’ in a topless place
And I stopped in for a beer,
I just kept lookin’ at the side of her face
In the spotlight so clear.
And later on as the crowd thinned out
I’s just about to do the same,
She was standing there in back of my chair
Said to me, “Don’t I know your name?”
I muttered somethin’ underneath my breath,
She studied the lines on my face.
I must admit I felt a little uneasy
When she bent down to tie the laces of my shoe,
Tangled up in blue.

She lit a burner on the stove and offered me a pipe
“I thought you’d never say hello,” she said
“You look like the silent type.”
Then she opened up a book of poems
And handed it to me
Written by an Italian poet
From the thirteenth century.
And every one of them words rang true
And glowed like burnin’ coal
Pourin’ off of every page
Like it was written in my soul from me to you,
Tangled up in blue.

I lived with them on Montague Street
In a basement down the stairs,
There was music in the cafes at night
And revolution in the air.
Then he started into dealing with slaves
And something inside of him died.
She had to sell everything she owned
And froze up inside.
And when finally the bottom fell out
I became withdrawn,
The only thing I knew how to do
Was to keep on keepin’ on like a bird that flew,
Tangled up in blue.

So now I’m goin’ back again,
I got to get to her somehow.
All the people we used to know
They’re an illusion to me now.
Some are mathematicians
Some are carpenter’s wives.
Don’t know how it all got started,
I don’t know what they’re doin’ with their lives.
But me, I’m still on the road
Headin’ for another joint
We always did feel the same,
We just saw it from a different point of view,
Tangled up in blue.

Testo

Un mattino presto il sole splendeva
io ero disteso a letto
chiedendomi se lei fosse cambiata
se i suoi capelli fossero ancora rossi
I suoi familiari dicevano che per noi vivere insieme
sarebbe stato sicuramente duro
Non avevano mai amato
il vestito di mamma fatto in casa
Il conto in banca di papà non era grosso abbastanza
Ed io me ne stavo sul bordo della strada
mentre la pioggia mi cadeva sulle scarpe
dirigendomi verso la East Coast
Dio sa se ho pagato i miei debiti durante il viaggio
aggrovigliato nella tristezza

Lei era sposata quando ci siamo incontrati per la prima volta
dopo poco divorziò
Io l’ho aiutata a tirarsene fuori, credo,
ma ho usato un pò troppo le maniere brusche
Guidammo quell’auto quanto più lontano possibile
L’abbandonammo ad Ovest
Ci dividemmo in una buia e triste notte
essendo entrambi d’accordo che fosse la cosa migliore
Lei si voltò per guardarmi
mentre me ne stavo andando via
Le sentii dire alle mie spalle
“Ci incontreremo ancora un giorno su un viale alberato”,
aggrovigliato nella tristezza

Trovai un lavoro nelle grandi foreste del Nord
lavorando come cuoco per un breve periodo
ma non mi è mai piaciuto molto
ed un giorno l’ascia cadde giù
Così andai alla deriva a New Orleans
dove fui assunto
a lavorare per un pò su di un peschereccio
appena fuori Delacroix
Ma per tutto il tempo ero da solo
il passato alle mie spalle
Ho visto un sacco di donne
ma lei non mi è mai uscita dalla mente
e sono invecchiato
aggrovigliato nella tristezza

Lei lavorava in un topless bar
ed io mi fermai per una birra
Restai a guardare il profilo del suo viso
così nitido nel riflettore
E più tardi mentre la gente sfollava
ed anch’io stavo per fare lo stesso
lei stava dietro la mia sedia
e mi disse “Non ci conosciamo?”
Io mormorai qualcosa tra i denti
lei studiò i lineamenti del mio viso
Devo ammettere che mi sentii un pò a disagio
mentre lei si chinava per allacciare un laccio della mia scarpa
aggrovigliato nella tristezza

Lei accese la stufa e mi offrì una pipa
“Pensavo che non avresti mai detto ciao”, disse
“Sembri un tipo taciturno”
Poi aprì un libro di poesie
e me lo porse
Era scritto da un poeta italiano
del Duecento
Ed ognuna di quelle parole suonò vera
e splendente come un carbone ardente
trasudando da ogni pagina
come fosse scritta nella mia anima da me per te
aggrovigliato nella tristezza

Vivevo con loro in Montague Street
in una cantina in fondo alle scale
C’era musica nei caffè la notte
e la rivoluzione era nell’aria
Poi lui iniziò a trattare con gli schiavi
e qualcosa dentro di lui morì
Lei dovette vendere tutto quello che possedeva
e gelò dentro
E quando alla fine il fondo cedette
io mi tirai indietro in buon ordine
La sola cosa che sapevo fare
era tirare a campare come un uccello che vola
aggrovigliato nella tristezza

Così ora sto tornando di nuovo indietro
devo raggiungerla in qualche modo
Tutte le persone che conoscevamo
sono un’illusione per me ora
Alcuni sono matematici
altre sono mogli di carpentieri
Non so come sia iniziato tutto
non so cosa facciano delle proprie vite
Ma io sono sempre sulla strada
diretto verso un altro incrocio
Abbiamo sempre provato le stesse cose
solo che le vedevamo da un punto di vista differente
aggrovigliati nella tristezza




Audio




Live 1999




Live 1998