David Bowie – Cat People (Putting Out Fire)

David Bowie - Cat People (Putting Out Fire)

Rui Cardo Suggestions presenta grandi classici e perle nascoste, versioni ufficiali e live ricercati.

Enjoy! 😉




David Bowie - Cat People (Putting Out Fire)

Song

Cat People (Putting Out Fire) è un brano musicale scritto da David Bowie e Giorgio Moroder per la colonna sonora del film Il bacio della pantera del 1982. Una seconda versione registrata nuovamente della traccia apparve sull'album di Bowie Let's Dance nel 1983.

Origine e storia

Nel 1981 il regista Paul Schrader chiese a Bowie di scrivere un tema musicale per un suo progetto cinematografico, progetto per cui Moroder aveva già scritto la maggior parte delle musiche. Bowie allora decise di scrivere un testo da adattare a una delle musiche scritte dal produttore.

Cat People, in sintonia con l'atmosfera "dark" del film, possiede qualche lieve influenza goth rock, con Bowie che canta in un tono di voce molto basso da baritono controbilanciato da un coro di voci femminili.

Pubblicazione

A causa degli obblighi contrattuali di Moroder, Cat People venne pubblicata dalla MCA Records. Il B-side del singolo è un brano strumentale opera del solo Moroder senza alcun contributo da parte di Bowie. La versione integrale di Cat People apparve sull'album della colonna sonora del film e nella versione 12" del singolo, mentre per il 45 giri venne approntata una versione accorciata della durata di 4:08.

Il singolo raggiunse la posizione numero 26 in Gran Bretagna e la numero 67 in America, miglior risultato per Bowie sin da Golden Years del 1975. La canzone balzò in vetta alla classifica in Nuova Zelanda, rimanendovi per tre settimane, e anche in Svezia (quattro settimane al numero 1) e Norvegia (sette settimane al numero 1) e in ottava posizione in Svizzera.

Il singolo fu pubblicato in tre differenti occasioni dalla MCA. La prima volta con Cat People come lato A poi ancora due mesi dopo con Paul's Theme come A-side e infine nel novembre 1982 nuovamente con Cat People come brano principale. Il compositore ungherese Sylvester Levay contribuì all'orchestrazione di questa versione.

Let's Dance

Nel 1983 Bowie riregistrò Cat People per il suo album Let's Dance. Questa versione venne pubblicata anche come B-side del singolo Let's Dance ed eseguita nel corso del Serious Moonlight Tour. Bowie avrebbe voluto inserire la versione originale della canzone nel suo disco, ma la MCA Records si rifiutò di concedergli i diritti poiché Moroder era sotto contratto con loro all'epoca e non volevano che la EMI America, un'etichetta discografica concorrente, utilizzasse una delle canzoni di loro proprietà in altri progetti.

Nel 2009 il brano è stato inserito nella colonna sonora di Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino. Nel 2017 il brano è stato inserito nella colonna sonora di Atomica bionda di David Leitch.


Album

Let's Dance è il quindicesimo album del cantautore britannico David Bowie pubblicato nel 1983.

Il disco

Si tratta di un album coprodotto, con Nile Rodgers degli Chic, negli anni successivi alla disco music, anni caratterizzati da sonorità più elettroniche.
La canzone Let's Dance, la traccia del titolo, è divenuta un motivo di successo, e nell'album spiccano tra le altre le tracce Modern Love e China Girl (che destò sensazione per il suo video promozionale piuttosto 'spinto').

China Girl era in realtà la nuova versione di una canzone che Bowie aveva scritto insieme ad Iggy Pop per il suo album The Idiot (1977).
Let's Dance va anche ricordata come un significativo punto di partenza della carriera di Stevie Ray Vaughan, virtuoso chitarrista blues texano, che ha collaborato alla realizzazione dell'album.

Un'edizione a diffusione limitata venne anche pubblicata in versione Picture Disc, che riportava da un lato dell'album la foto di copertina con l'elenco delle tracce, e dall'altro ricordava il Serious Moonlight Tour '83, accompagnato da una foto del concerto.

Accoglienza

Bowie avrebbe successivamente affermato che il successo riscosso dall'album si tramutò in un periodo che gli fece toccare il punto più basso della sua carriera dal punto di vista creativo negli anni immediatamente seguenti.

«Mi ricordo che osservavo la marea di persone [che venivano ai concerti per ascoltare i brani dell'album suonati dal vivo] e pensavo: "mi chiedo quanti dischi dei Velvet Underground hanno queste persone a casa... ". Mi sentii presto estraniato dal mio pubblico. E fu deprimente, perché non sapevo cosa volessero in realtà»

Il grande successo dell'album sorprese Bowie. Nel 1997, egli disse:

«All'epoca, Let's Dance non era mainstream. Era virtualmente una nuova specie di ibrido, usando chitarre blues-rock in contrasto al formato dance. Non c'era niente che suonasse veramente simile ai tempi. Quindi sembrò commerciale solo in apparenza perché vendette così tante copie. Fu grande in questo senso, ma mi mise nella condizione di mandare a farsi "fottere" la mia integrità artistica»

Bowie aggiunse:

«Si trattò di un buon disco, ma venne concepito come un progetto a parte. Avevo tutte le intenzioni di proseguire nel mio stile consueto poi. Ma il successo di quel disco mi costrinse veramente, in qualche modo, a continuare a flirtare con "la bestia". Fu una mia decisione, certo, ma sentii, dopo qualche anno, che mi ero bloccato artisticamente»

I successivi album

Dopo i successivi Tonight (1984) e Never Let Me Down (1987), entrambi stroncati dalla critica, Bowie formò la band proto-grunge dei Tin Machine per risollevare il suo status artistico. I dati sulle vendite dell'album Let's Dance sono approssimativi: il primo anno (l'album uscì nel 1983) vendette 8 milioni di copie in tutto il mondo.

Intorno al 1990, quando Bowie iniziò a ripubblicare tutti i suoi album in digitale (per la seconda volta), aggiungendo ad ognuno "bonus tracks", l'album aveva già raggiunto le 15 milioni di copie vendute. Nel 2013, dopo l'ennesima "renaissance" bowiana (dovuta alla pubblicazione dopo dieci anni di assenza del nuovo album The Next Day), si pensa che abbia superato le 20 milioni di copie vendute.

Let's Dance contende a The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars il titolo di album più venduto di Bowie nel mondo.


Artist

David Bowie (IPA/ˈdeɪvɪd ˈboʊ.iː/), pseudonimo di David Robert Jones (Londra8 gennaio 1947 – New York10 gennaio 2016), è stato un cantautoreattore e pittore britannico. È stato uno dei personaggi più poliedrici, importanti e influenti della scena pop e rock mondiale per circa cinque decenni. Fu amato dalla maggior parte della critica musicale e dai suoi stessi colleghi musicisti per l'inventiva, la capacità di spaziare fra innumerevoli generi musicali e di reinventarsi musicalmente come icona globale.

La passione per la musica portò Bowie a imparare a suonare il sassofono quando era ancora giovanissimo. Dopo aver partecipato alla formazione di varie band, raggiunse il successo da solista nei primi anni settanta, attraversando cinque decenni di musica rock e conquistandosi la fama di inventore del glam rock.

Alter Ego

La sua natura poliedrica e camaleontica lo portò a reinventare nel tempo il proprio stile e la propria immagine, creando numerosi alter ego come Ziggy Stardust, Aladdin SaneMajor Tom, Halloween Jack, The Thin White Duke e Nathan Adler.

Significative e proficue sono state le collaborazioni con Tony Visconti e Brian Eno, altro reduce con i Roxy Music dal glam rock dei primi settanta, con i quali instaurò una solida e profonda amicizia che durò svariati anni.

Con circa 150 milioni di album venduti in vita, David Bowie figura tra gli artisti con il maggior numero di vendite secondo la World's best selling music artists e nel 2007 fu indicato dalla rivista Forbes come il quarto cantante più ricco al mondo.

Nel 2008 fu inserito al 23º posto nella lista dei 100 migliori cantanti secondo Rolling Stone, che ha individuato tra i suoi migliori brani Life on Mars?Space OddityFame e "Heroes". Inoltre ben 6 dei suoi album sono inseriti nella lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone.

Pur non essendo le sue attività principali, Bowie si dedicò anche alla pittura e al cinema, lavorando con registi come Martin ScorseseDavid Lynch e Christopher Nolan. Tra i vari film in cui recitò, vi sono L'uomo che cadde sulla TerraFuryoMiriam si sveglia a mezzanotteAbsolute BeginnersLabyrinthBasquiat e The Prestige.

Nel 2019 Bowie è stato nominato «il più grande entertainer del ventesimo secolo» tramite un sondaggio condotto da BBC Two.

La morte

Secondo quanto affermato dal produttore Tony Visconti durante un'intervista concessa ad RS America, Bowie avrebbe tratto ispirazione dall'album To Pimp a Butterfly del rapper Kendrick Lamar e subìto l'influenza di gruppi alternative rock come i Death Grips.

Visconti avrebbe inoltre dichiarato la vera natura della gran parte dei testi dei brani inediti contenuti in Blackstar, i quali farebbero riferimento alla malattia di Bowie e all'eventualità di una morte imminente, tanto da portare il pubblico a concepire l'intero progetto come il suo testamento spirituale, una sorta di ultimo commiato al suo pubblico.

(EN)«He always did what he wanted to do. And he wanted to do it his way and he wanted to do it the best way. His death was no different from his life - a work of Art. He made Blackstar for us, his parting gift. I knew for a year this was the way it would be. I wasn't, however, prepared for it. He was an extraordinary man, full of love and life. He will always be with us. For now, it is appropriate to cry.» (IT)«Ha sempre fatto quello che voleva. E voleva farlo a modo suo, e voleva farlo al meglio. La sua morte non è stata diversa dalla sua vita: un'opera d'arte. Ha fatto Blackstar per noi, è stato il suo regalo di addio. Sapevo da un anno che sarebbe andata così. Non ero preparato, però. È stato un uomo straordinario, pieno di amore e di vita. Sarà sempre con noi. Per ora, possiamo solo piangere.»
(Tony Visconti)

Mick Jagger ha ricordato a nome dei Rolling Stones su Twitter quello che Bowie fu per lui e per il gruppo: un uomo "meraviglioso e gentile":

«Siamo profondamente rattristati nell'apprendere della morte del nostro caro amico David Bowie. Non solo era un uomo meraviglioso e gentile ma era un artista straordinario, "the true original".»

Video

Lyrics

See these eyes so green
I can stare for a thousand years
Colder than the moon
It’s been so long
And I’ve been putting out fire
With gasoline

Feel my blood enraged
It’s just the fear of losing you
Don’t you know my name
Well, you been so long2

See these eyes so red
Red like jungle burning bright
Those who feel me near
Pull the blinds and change their minds
It’s been so long

Still this pulsing night
A plague I call a heartbeat
Just be still with me
Ya wouldn’t believe what I’ve been thru
You’ve been so long
Well it’s been so long
And I’ve been putting out fire
with gasoline
putting out fire
with gasoline

See these tears so blue
An ageless heart
that can never mend
These tears can never dry
A judgement made
can never bend
See these eyes so green
I can stare for a thousand years
Just be still with me
You wouldn’t believe what I’ve been thru

You’ve been so long
Well, it’s been so long
And I’ve been putting out fire
with gasoline
putting out fire with gasoline

Testo

Guarda questi occhi così verdi
Posso fissarli ancora per un migliaio di anni
Più freddo della luna
E’ passato tanto tempo
E ho spento il fuoco
Con la benzina

Senti il mio sangue che ribolle
E’ soltanto la paura di perderti
Non sai neanche il mio nome
Ti ho aspettato a lungo2

Guarda questi occhi così rossi
Rossi come una giungla in fiamme
Quelli che mi sentono vicino
Chiudono le imposte e cambiano idea
E’ passato tanto tempo

Ancora questa notte vibrante
Un flagello che io chiamo batticuore
Stai ancora con me
Non crederesti a quello che ho passato
Ti ho aspettato a lungo
Beh, è passato tanto tempo
E ho spento il fuoco
con la benzina
spento il fuoco
con la benzina

Guarda queste lacrime così tristi
Un cuore senza tempo
che non potrà mai guarire
Queste lacrime non si asciugheranno mai
Un giuramento fatto
non si potrà mai spezzare
Guarda questi occhi così verdi
Posso fissarli ancora per un migliaio di anni
Stai ancora con me
Non crederesti a quello che ho passato

Ti ho aspettato a lungo
Beh, è passato tanto tempo
E ho spento il fuoco
con la benzina
spento il fuoco con la benzina




Audio




Live




Atomic Blonde