Johnny Cash – I See A Darkness

Johnny Cash - I See A Darkness

Rui Cardo Suggestions presenta grandi classici e perle nascoste, versioni ufficiali e live ricercati.

Enjoy! 😉


Johnny Cash - I See A Darkness

Song

I See a Darkness è il sesto album pubblicato da Will Oldham, il primo pubblicato con lo pseudonimo di Bonnie 'Prince' Billy.

La canzone che dà titolo all'album è stata reinterpretata da Johnny Cash ed inserita nell'album American III: Solitary Man del 2000. In quella occasione Will Oldham ha contribuito con alcune parti vocali.


Album

American III: Solitary Man è il terzo album della serie American, pubblicato dal cantautore country Johnny Cash nel 2000, dopo l'album Unchained del 1996.

È stato prodotto da Rick Rubin e pubblicato dalla American Recordings. L'artista ottenne il Grammy Award per la miglior performance maschile nella musica country con il brano Solitary Man.

Il disco

È composto da 10 cover e 4 brani originali. Tra l'uscita di Unchained e Solitary Man, le condizioni di salute di Cash peggiorarono notevolmente a causa di molteplici fattori, ed egli venne ricoverato in ospedale per polmonite, e la malattia lo costrinse a cancellare il previsto tour.

L'album American III: Solitary Man include riferimenti da parte di Cash alla sua malattia, esemplificati da una versione di I Won't Back Down di Tom Petty, e da One degli U2. Cambiamenti nella voce di Cash dovuti ai suoi problemi di salute sono riscontrabili in molte tracce presenti sul disco.


Artist

Johnny Cash, alla nascita J.R. Cash (Kingsland26 febbraio 1932 – Nashville12 settembre 2003), è stato un cantautorechitarrista e attore statunitense, interprete di numerose canzoni country, folk, e di celebri talking blues. Fu definito "The Man in Black" in virtù della sua preferenza per gli abiti neri, e da ciò il titolo di un suo album e della sua prima autobiografia.

Tradizionalmente iniziava i concerti con la semplice frase: «Hello, I'm Johnny Cash» ("Ciao, sono Johnny Cash") seguita dall'esecuzione di Folsom Prison Blues. È stato uno dei pochissimi cantanti ad avere venduto più di novanta milioni di dischi.

Sebbene sia principalmente ricordato come un'icona della musica country, il suo repertorio spaziava attraverso generi quali rock and roll, rockabilly, blues, folk, e gospel. Questa poliedricità di stili, valse a Cash il raro onore di essere introdotto nella Country Music Hall of Fame and Museum, nella Rock and Roll Hall of Fame, e nella Gospel Music Hall of Fame.

Le canzoni

Le sue canzoni trattavano tematiche quali il dolore, l'afflizione morale e il riscatto, specialmente nell'ultima parte di carriera. Alcuni dei suoi brani più celebri sono I Walk the LineFolsom Prison BluesRing of FireGet Rhythm, e Man in Black.

Nonostante l'immagine austera ed autorevole, incise anche alcuni pezzi dal taglio umoristico come One Piece at a Time e A Boy Named Sue; duetti con la futura moglie June Carter, e nell'ultima parte di carriera, sorprendenti reinterpretazioni di brani di artisti rock contemporanei, come Hurt dei Nine Inch NailsPersonal Jesus dei Depeche ModeRusty Cage dei Soundgarden e One degli U2.

Cash era una figura atipica nella musica popolare americana del XX secolo, pur essendo un cristiano dalle convinzioni evangeliche tradizionali, era rispettato e riverito da icone della cultura alternativa oltre che da importanti figure del mainstream. Morto nel 2003, viene sepolto accanto alla moglie nel cimitero Hendersonville Memory Gardens a Hendersonville, nel Tennessee.

La morte

Il 15 maggio 2003, a poco meno di 74 anni, muore la moglie June. Nel settembre dello stesso anno Cash viene ricoverato nel Baptist Hospital di Nashville per complicazioni diabetiche, e vi muore il 12 settembre all'età di 71 anni. Viene sepolto accanto alla moglie nel cimitero Hendersonville Memory Gardens a Hendersonville, nel Tennessee.

Una delle ultime collaborazioni di Cash con il produttore Rick Rubin, l'album American V: A Hundred Highways, esce postumo il 4 luglio 2006. Il disco debutta in vetta alla classifica Billboard Top 200 nella settimana del 22 luglio. Il 23 febbraio 2010, tre giorni prima di quello che sarebbe stato il 78º compleanno di Cash, viene pubblicato il secondo album postumo, intitolato American VI: Ain't No Grave.

Audio

Lyrics

Well, you're my friend
And can you see
Many times we've been out drinking
Many times we've shared our thoughts
But did you ever, ever notice
The kind of thoughts I got?
Well, you know I have a love
A love for everyone I know
And you know I have a drive
To live, I won't let go
But can you see this opposition
Comes rising up sometimes?
That it's dreadful imposition
Comes blacking in my mind

And then I see a darkness (x4)
Did you know how much I love you?
Is a hope that somehow you
Can save me from this darkness

Well, I hope that someday, buddy
We have peace in our lives
Together or apart
Alone or with our wives
And we can stop our whoring
And pull the
smiles inside
And light it up forever
And never go to sleep
My best unbeaten brother
This isn't all I see

Oh no, I see a darkness (x4)
Did you know how much I love you?
Is a hope that somehow you
Can save me from this darkness

Testo

Bene, sei mio amico
E puoi vedere
Molte volte siamo stati fuori a bere
Molte volte abbiamo condiviso i nostri pensieri
Ma l'hai mai notato, mai
Il tipo di pensieri che ho avuto?
Bene, sai che ho un amore
Un amore per tutti quelli che conosco
E sai che ho un disco
Per vivere, non lascerò andare
Ma vedi questa opposizione
A volte si alza?
Che è una terribile imposizione
Viene il nero nella mia mente

E poi vedo un'oscurità
Sapevi quanto ti amo?
È una speranza che in qualche modo tu
Può salvarmi da questa oscurità

Beh, spero che un giorno, amico
Abbiamo pace nella nostra vita
Insieme o separatamente
Solo o con le nostre mogli
E possiamo smettere di puttane
E tirare il
sorrisi dentro
E accendilo per sempre
E non andare mai a dormire
Il mio miglior fratello imbattuto
Questo non è tutto ciò che vedo

Oh no, vedo un'oscurità (x4)
Sapevi quanto ti amo?
È una speranza che in qualche modo tu
Può salvarmi da questa oscurità

Bonnie “Prince” Billy

Bonnie “Prince” Billy Live

Last Live