Orgy – Blue Monday

Orgy - Blue Monday

Rui Cardo Suggestions presenta grandi classici e perle nascoste, versioni ufficiali e live ricercati.

Enjoy! 😉


Orgy - Blue Monday

Song

Blue Monday è un singolo del gruppo rock-synthpop britannico New Order, pubblicato originariamente nel 1983 e successivamente remixato e ripubblicato nel 1988 e nel 1995. Composta dai membri della band Gillian Gilbert, Peter HookStephen Morris e Bernard Sumner, è una delle loro canzoni più note, divenuta col tempo un vero e proprio inno della scena club-dance, come testimoniano le svariate cover e rifacimenti che sono stati prodotti.


Orgy - Blue Monday
Descrizione e pubblicazione

Il gruppo musicale statunitense Orgy registrò una cover di Blue Monday, che venne estratta come secondo singolo dal loro album di debutto Candyass e pubblicata il 14 dicembre 1998. Internazionalmente fu una hit, scalando molte classifiche in tutto il mondo e guadagnando l'attenzione della critica, che ne notò la fresca fusione fra la musica industrial ed il metal.

In un'intervista per Billboard Magazine, il chitarrista della band Amir Derakh raccontò che mentre lui ed i suoi compagni stavano lavorando per registrare la cover, avevano pensato di «rendere giustizia all'originale Blue Monday» e che si aspettavano più critiche di quelle ottenute. Inoltre ammise che si sentirono fortunati di aver realizzato una versione del pezzo molto personale, quasi da risultare una composizione che avevano scritto loro.[150]

Amir Derakh (qui durante un concerto) dichiarò che né a lui né agli altri membri degli Orgy diede fastidio il fatto che il loro primo grande successo commerciale fosse una cover di un celebre brano degli anni ottanta.

 

La prima pubblicazione di Blue Monday venne accompagnata da svariati remix, alcuni dei quali (sottotitolati "Orgy - Blue Monday Club Mix 2000", dal nome di una serie di antologie popolare nei primi Duemila) molto più techno e destinati prettamente alle discoteche ed ai club underground.

Vista la popolarità acquisita, gli Orgy decisero di includere anche il loro successivo singolo, Stitches, nella seconda edizione. Con il supporto dell'etichetta discografica venne realizzato un videoclip in formato QuickTime, reso pubblico il 9 febbraio 1999, che godette anch'esso di un buon successo, venendo trasmesso da molte rete televisive e permettendo così alla Reprise Records di distribuire il pezzo anche su vinile.

Successo commerciale

La canzone fu mandata in onda da numerose stazioni radiofoniche di musica hard rock e su MTV divenne popolarissima, apparendo nelle trasmissioni 120 Minutes e TRL, nella quale debuttò all'ottavo posto il 22 febbraio 1999.

Divenne per questo il trampolino di lancio per la carriera degli Orgy, come testimoniarono sia i concerti fatti all'Ozzfest e al Family Values Tour sia la ri-pubblicazione con Stitches. La rivista Spin la inserì nella sua "Hits of the Year" del 1999 e alcuni critici concordarono sul fatto che essa aprì il pubblico mondiale al filone del cyberpunk, che sarebbe definitivamente esploso come moda generazionale con il film Matrix delle sorelle Lana e Lilly Wachowski, di poco tempo dopo.

Venne usata per la colonna sonora di alcuni film e serie televisive. In un'intervista per il Los Angeles Magazine, il registaproduttore e sceneggiatore statunitense Joel Gallen dichiarò che, durante la lavorazione di Non è un'altra stupida commedia americana, si pensò di usarla come commento sonoro per una scena in cui si disputava una partita di football. Disse che «aveva energia» e così, alla fine, la inserì nella colonna sonora.

Accoglienza

Blue Monday venne considerata non solo la cover «più aggressiva fatta negli anni novanta» di una canzone dei New Order, ma anche una di quelle che contribuirono alla rinascita della new wave, alla quale si approcciarono tanti nuovi giovani ascoltatori proprio grazie ai rifacimenti in stile gloomcore di alcuni dei suoi brani più rappresentativi, come You Spin Me Round (Like a Record) dei Dead or Alive, coverizzata dai Dope nel 2000.

Molti critici attribuirono il successo dell'album degli Orgy Candyass proprio al singolo in questione e alcuni già avanzarono l'ipotesi che la band sarebbe presto diventata una one-hit wonder, dubitando che sarebbe stata in grado di bissare il successo guadagnato con la canzone scritta da altri, tuttora considerata la migliore del loro repertorio.

Porter W. Richards della rivista Sputnik trovò infatti i brani del disco più o meno tutti uguali, mentre questo balzava subito all'orecchio come qualcosa di diverso.

Nel gennaio del 2000, in un'intervista per Spin Magazine, il cantante e il chitarrista dei BuckcherryJosh Todd e Keith Nelson, non elogiarono particolarmente la cover, reputandola molto simile ai pezzi dei Nine Inch Nails e troppo «meccanica».

Anche Chynna Clugston Flores ne parlò male, in particolar modo perché si era creduto che la sua serie a fumetti avesse preso il titolo non dal brano dei New Order, ma da questa canzone.


Album

Candyass è il primo album in studio del gruppo statunitense Orgy, pubblicato nel 1998.


Artist

Gli Orgy sono un gruppo musicale alternative metal formatosi a Los Angeles (California). La loro musica è stata specificatamente descritta come "death pop" o "space core", e spesso chiamata anche cyber metal o industrial metal.

Video

Lyrics

How does it feel
To treat me like you do?
When you've laid your hands upon me
And told me who you are
I thought I was mistaken
I thought I heard your words
Tell me how do I feel
Tell me now, how do I feel
Those who came before me
Lived through their vocations
From the past until completion
They'll turn away no more
And still I find it so hard
To say what I need to say
But I'm quite sure that you'll tell me just how I should feel today
I see a ship in the harbor
I can and shall obey
But if it wasn't for your misfortune
I'd be a heavenly person today
And I thought I was mistaken
And I thought I heard you speak
Tell me, how do I feel
Tell me now, how should I feel
Now I stand here waiting
I thought I told you to leave me
When I walked down to the beach
Tell me how does it feel
When your heart grows cold, grows cold, cold

Testo

Come ci si sente
a trattarmi come fai tu
quando hai posato le tue mani su di me
e mi hai detto chi sei
ho pensato di starmi sbagliamdo
pensavo di aver sentito le tue parole
dimmi come mi sento
dimmi ora come mi sento
quelli che sono venuti prima di me
vissuto attraverso le loro vacanze
dal passato prima del completamento
non andranno piú via
e ancora lo trovo cosí difficile
di dire cosa ho bisogno di dire
ma sono sicuro che mi dirai solo come mi dovrei sentire oggi
vedo una barca nel porto
io devo obbedire
ma se non fosse stato per la tua sfortuna
sarei una persona celeste oggi
e ho pensato di starmi sbagliando
e ho pensato di sentirti parlare
dimmi come mi sento
dimmi ora, cpme dovrei sentirmi
ora sto qua ad aspettare
pensavo di averti detto di lasciarmi
quando ho camminato giú alla spiaggia
dimmi come si sente
quando il tuo cuore diventa freddo, diventa freddo, freddo

Live 1998

Live 2015

New Order