Radical Face – Old Gemini

Radical Face - Old Gemini

Rui Cardo Suggestions presenta grandi classici e perle nascoste, versioni ufficiali e live ricercati.

Enjoy! 😉




Radical Face - Old Gemini

Album

The Bastards: Volume Three and The Bastards: Volume Four were both released in 2015, leading up to the release of The Family Tree: The Leaves in March 2016. Old Gemini is in the album.


Artist

Radical Face is a musical act whose main member is Ben Cooper.

Cooper chose the name Radical Face upon seeing it on a flyer. He later found out it was a plastic surgery flyer saying 'Radical Face-Lift' with the word 'lift' ripped off.


Radical Face è il progetto musicale del cantautore e polistrumentista Ben Cooper (nato e residente a JacksonvilleFlorida,.il 24 febbraio 1982), già membro del duo elettronico Electric President e dei gruppi Iron Orchestra e Mother's Basement.

Cooper ha dichiarato di aver scelto il nome Radical Face dopo averlo visto su un volantino: in seguito ha scoperto che il foglio pubblicizzava una chirurgia plastica facciale con il motto "Radical Face-Lift" e che la parola 'lift' era stata strappata.

Audio Old Gemini

Lyrics

Evening in the garden
Surrounded by fireflies
We'd only just moved in
I spent my time alone there reading
And planted one thing a day

While shoveling the yard
My spade hit a metal box
And in it was a diary
The cover old and frayed

It said "I don't know how much time I have
But I guess we never really do
I thought that I would be terrified
But it's worse to watch them watch me
Sometimes I wish our lives were simpler
That we never had to stretch the food
That people here would treat my brother well
And that he would know he's good"

I laid out all those pages
And in my study typed them up
It was tough to say old they were
I guess... years at least
The boy who wrote these words
Was an odd and complicated mind
But wisdom's often heavier
When found before its time

He said "We all get stuck in circles
But nothing moves in perfect lines
Connections underly the things we see
But to nuances we're blind
And I am never singular
I was born a pair to walk alone
My mirror shows the things im not
But it helps me feel at home"

Testo

Serata in giardino
Circondato da lucciole
Ci eravamo appena trasferiti
Ho passato il mio tempo da sola a leggere
E piantato una cosa al giorno

Mentre spalare il cortile
La mia vanga ha colpito una scatola di metallo
E in esso c'era un diario
La copertina vecchia e sfilacciata

Diceva "Non so quanto tempo ho
Ma immagino che non lo facciamo mai davvero
Ho pensato che sarei stato terrorizzato
Ma è peggio guardarli mentre guardano me
A volte vorrei che le nostre vite fossero più semplici
Che non abbiamo mai dovuto allungare il cibo
Che le persone qui tratterebbero bene mio fratello
E che lui saprebbe di essere bravo "

Ho disposto tutte quelle pagine
E nel mio studio li ho digitati
Era difficile dire che fossero vecchi
Immagino ... almeno anni
Il ragazzo che ha scritto queste parole
Era una mente strana e complicata
Ma la saggezza è spesso più pesante
Quando viene trovato prima del tempo

Ha detto: "Rimaniamo tutti bloccati in cerchio
Ma niente si muove in linee perfette
Le connessioni sono alla base delle cose che vediamo
Ma alle sfumature siamo ciechi
E non sono mai singolare
Sono nato in coppia per camminare da solo
Il mio specchio mostra le cose che non sono
Ma mi aiuta a sentirmi a casa "




Fan Video




Commentary