Rage Against The Machine – Killing In The Name

Rage Against The Machine - Killing In The Name

Rui Cardo Suggestions presenta grandi classici e perle nascoste, versioni ufficiali e live ricercati.

Enjoy! 😉


Rage Against The Machine - Killing In The Name

Song

Killing in the Name è un singolo del gruppo musicale statunitense Rage Against the Machine, pubblicato il 2 novembre 1992 come primo estratto dal primo album in studio Rage Against the Machine.

Il 31 agosto 1993 è stato ristampato in Europa e Australia con l'aggiunta degli inediti Darkness of Greed e Clear the Lane.

Descrizione

Seconda traccia dell'album, nel testo viene affermato che alcuni membri delle forze dell'ordine degli Stati Uniti d'America farebbero parte del Ku Klux Klan, il cui simbolo è appunto la croce che brucia, espresso nella strofa con «Some of those that work forces, are the same that burn crosses».

Nel 2008 l'assolo del brano eseguito da Tom Morello è stato posto al numero 89 dalla rivista Guitar World.


Album

Rage Against the Machine è il primo album in studio del gruppo musicale statunitense omonimo, pubblicato il 3 novembre 1992 dalla Epic Records.

Descrizione

L'album è ritenuto uno dei primi ad aver lanciato il rap metal, genere musicale che riceverà maggiore visibilità verso la fine degli anni novanta, con gruppi di orientamento più commerciale rispetto ai Rage Against the Machine, come Limp BizkitLinkin Park, P.O.D. e Crazy Town.

Questo album è considerato dai critici una pietra miliare e uno di quelli che più hanno influenzato il nu metal, citato spesso come influenza per importanti esponenti di questo stile, come Korn, Incubus e i già citati Limp Bizkit. Ad ogni modo questo album risulterà molto lontano dalle successive produzioni, visti i temi politici che vennero affrontati senza alcun compromesso.

La copertina dell'album rappresenta l'immolazione del monaco buddista Thích Quảng Đức, che si diede fuoco per protesta contro il trattamento riservato agli osservanti la religione buddista, sotto il governo del Vietnam del Sud (filoamericano).

L'album esprime l'energia e la rabbia dei quattro, con pezzi di immediata presa dopo i primi ascolti, come BombtrackTake the Power Back e Know Your Enemy. In altri brani, il gruppo riesce a creare un lento crescendo di potenza e rabbia, come nel caso di Settle for Nothing e Bullet in the Head, mentre in altri l'ossessiva ripetizione di parole (Freedom) o di intere frasi la fa da padrona (Killing in the Name: "Fuck you, I won't do what you tell me").

Durante la registrazione dell'album, il chitarrista Tom Morello ha utilizzato tecniche particolari per cambiare radicalmente il suono emesso dalla sua chitarra ed ottenere determinati effetti sonori, fino quasi a far sembrare che siano stati utilizzati dei sintetizzatori.

Alla fine delle note di copertina dell'album il gruppo ha infatti inserito la scritta «no samples, keyboards or synthesizers used in the making of this record», che tradotto significa: «nessun campionatoretastiera o sintetizzatore è stato utilizzato durante la realizzazione di questo disco».

Il disco si piazzò alla posizione numero 45 nella classifica dei top 200 di Billboard.

Le canzoni
Freedom

Il testo della canzone Freedom è stato scritto per protestare contro l'incarcerazione dell'attivista politico Leonard Peltier.

Know Your Enemy

Know Your Enemy è, secondo la critica, una delle tracce prominenti. AllMusic la descrive come un brano "memorabile".

Il brano è stato scritto da Zack de la Rocha e composto dall'intero gruppo. Una sua prima versione, registrata ai Sunbirth Studio di Los Angeles, fu pubblicata nel demo autoprodotto che la band diede alle stampe nel dicembre del 1991.

Il brano si apre con un'introduzione dove il chitarrista Tom Morello fa uso di un interruttore per passare da un pick-up acceso a uno spento, creando un effetto simile a quello del tremolo, e imitando le sonorità dei sintetizzatori di cui si faceva uso nel rock classico degli anni settanta. La chitarra è accompagnata dallo slapping del basso da parte di Tim Commerford.

Il testo della canzone ha un significato antimilitarista e di denuncia nei confronti dell'autoritarismo del governo statunitense.

Alla registrazione del brano, oltre alla band, hanno partecipato Maynard James Keenan dei Tool, che canta durante il bridge, e Stephen Perkins dei Jane's Addiction, che suona le percussioni.

La canzone è stata ripubblicata in diverse antologie del gruppo, quali ad esempio Rage Against the MachineThe Battle of Mexico City e Live at the Grand Olympic Auditorium.

Wake Up

Il pezzo Wake Up è presente nella colonna sonora del film Matrix del 1999 con Keanu Reeves, mentre Killing in the Name è presente nel videogioco Grand Theft Auto: San Andreas.

Accoglienza

L'album venne accolto dalla critica specializzata con recensioni miste. Secondo il New Musical Express, «il principale motivo della maggiore credibilità del gruppo, rispetto alle precedenti esperienze rap rock, è la completa mancanza di pretese e di apporti tecnici», mentre Q considerò il disco «una vera e propria registrazione di attitudine e di energia».

Robert Hilburn di Los Angeles Times lo esaltò come «un debutto potente e politicamente consapevole» ed elogiò De La Rocha definendolo «una star in buona fede in grado di unire, soprattutto dal vivo, un carisma alla Bob Marley e un modo di fare rap alla Chuck D – e la stessa musica è dura e senza rimorsi quanto il suo rap».

Robert Christgau invece ebbe un'impressione minore, etichettando l'album come «un contenitore di metal per chi ama il rap e odia l'opera» e definendo i brani Know Your Enemy e Wake Up come chiari esempi di presunta semplicità musicale.

In una recensione retrospettiva, Eduardo Rivadavia di AllMusic scrisse che «si trattava del primo vero album rap metal, registrato e pubblicato per la prima volta da un gruppo in grado di fare musica specifica, dopo le rapide incursioni degli anni precedenti», e apprezzò «rime ricche di significato e una notevole carica di convinzione», definendo il tutto «essenziale».

Nel 2001 Q posizionò Rage Against the Machine all'interno della sua lista dei 50 album più pesanti di tutti i tempi. Nel 2005 fu inserito anche nella lista 1001 Albums You Must Hear Before You Die. Nell'ottobre 2011 Rage Against the Machine raggiunse il quinto posto nella lista di Guitar World dei dieci migliori album rock del 1992.

Nel 2012 entrò alla posizione numero 365 della lista di Rolling Stone dei 500 migliori album di tutti i tempi, e la numero 24 nella lista dei "100 più grandi album metal" stilata dalla medesima rivista.


Artist

Rage Against the Machine (abbreviati spesso in Rage o R.A.T.M.) sono stati un gruppo musicale rap metal statunitense, formato a Los Angeles nel 1991 da Tom Morello e Zack de la Rocha, in attività fino al 2000 e poi riformato dal 2007 al 2011. Famosi per aver mescolato con successo generi come hip hop, hard rock, heavy metal, funk ed alternative rock, sono considerati tra i maggiori esponenti del rap metal e del rapcore, e anche uno dei gruppi che hanno influenzato il nu metal.

Nel 2000, in coincidenza con l'uscita dell'ultimo album Renegades, Zack de la Rocha lascia il gruppo per intraprendere una carriera solista, così Tom Morello, Tim Commerford e Brad Wilk assieme a Chris Cornell, noto per essere il cantante dei Soundgarden, formano gli Audioslave. Nel 2007, dopo le dimissioni di Cornell che provocano lo scioglimento degli Audioslave, il gruppo annuncia il suo grande ritorno in occasione del festival di Coachella, in California.

Si sono distinti per l'impegno politico, orientato a sinistra e per le battaglie a favore delle minoranze etniche, contro il capitalismo e la globalizzazione, tutti temi che De la Rocha mette in evidenza nei testi delle proprie canzoni. A livello mondiale hanno venduto più di 16 milioni di dischi.

Video

Lyrics

Killing in the name of!
Some of those that work forces, are the same that burn crosses (x4)
Huh!

Killing in the name of!
Killing in the name of

And now you do what they told ya (x12)
Well now you do what they told ya

Those who died are justified, for wearing the badge, they're the chosen whites
You justify those that died by wearing the badge, they're the chosen whites
Those who died are justified, for wearing the badge, they're the chosen whites
You justify those that died by wearing the badge, they're the chosen whites

Some of those that work forces, are the same that burn crosses (x4)
Uggh!

Killing in the name of!
Killing in the name of

And now you do what they told ya (x4)
And now you do what they told ya, now you're under control (x7)

Those who died are justified, for wearing the badge, they're the chosen whites
You justify those that died by wearing the badge, they're the chosen whites
Those who died are justified, for wearing the badge, they're the chosen whites
You justify those that died by wearing the badge, they're the chosen whites
Come on!

Yeah! Come on!

Fuck you, I won't do what you tell me! (x16)

Motherfucker!
Uggh!

Testo

Uccidere nel nome di!
Alcuni di quelli che lavorano nelle forze (di polizia), sono gli stessi che bruciano croci (x4)
Eh!

Uccidere nel nome di!
Uccidere nel nome di

E ora fai quello che ti hanno detto (x12)
Bene, ora fai quello che ti hanno detto

Coloro che sono morti sono giustificati, per aver indossato il distintivo, sono i bianchi scelti
Giustifichi quelli che sono morti indossando il distintivo, sono i bianchi scelti
Coloro che sono morti sono giustificati, per aver indossato il distintivo, sono i bianchi scelti
Giustifichi quelli che sono morti indossando il distintivo, sono i bianchi scelti

Alcuni di quelli che lavorano nelle forze (di polizia), sono gli stessi che bruciano croci (x4)
Uggh!

Uccidere nel nome di!
Uccidere nel nome di

E ora fai quello che ti hanno detto (x4)
E ora fai quello che ti hanno detto, ora sei sotto controllo (x7)

Coloro che sono morti sono giustificati, per aver indossato il distintivo, sono i bianchi scelti
Giustifichi quelli che sono morti indossando il distintivo, sono i bianchi scelti
Coloro che sono morti sono giustificati, per aver indossato il distintivo, sono i bianchi scelti
Giustifichi quelli che sono morti indossando il distintivo, sono i bianchi scelti
Dai!

Si! Dai!

Fottiti, non farò quello che mi dici! (X16)

Figlio di puttana!
Uggh!

Live 1993

Live 2010

Audio

Live