Slint – Breadcrumb Trail

Slint - Breadcrumb Trail

Rui Cardo Suggestions presenta grandi classici e perle nascoste, versioni ufficiali e live ricercati.

Enjoy! 😉




Slint - Breadcrumb Trail

Album

Spiderland è il secondo e ultimo album della rock band statunitense Slint, pubblicato il 27 marzo 1991 attraverso la Touch and Go Records.

L'album contiene testi narrativi che sottolineano l'alienazione, interpretati dalla voce di Brian McMahan che varia dalla parola parlata al gridare. Catalogato generalmente come post-rock, Spiderland è stato il primo disco pubblicato dagli Slint con la Touch and Go e l'ultimo prima dello scioglimento del gruppo. L'album è considerato uno dei migliori nella storia del rock.

Anche se inizialmente non fu ampiamente apprezzato, alla fine sono state vendute più di 50 000 copie del disco, il quale è diventato un punto fermo per la musica underground. Il disco ebbe importanti influenze su gruppi post-rock e math rock, e viene generalmente considerato dalla critica uno degli album più importanti e influenti degli anni '90.

Il disco

Dopo la pubblicazione di Tweez, i membri degli Slint si dedicarono ad altre attività, alcuni persino riprendendo gli studi universitari. Nel 1991 la band si riunì per registrare sei brani inediti, con il nuovo bassista Todd Brashear, sostituto di Ethan Buckler. Il nuovo album, Spiderland, venne quindi pubblicato nel marzo dello stesso anno, sempre per la Touch and Go.

Il sound è ancor più tetro e asettico di quello di Tweez, ma anche meglio organizzato. I sei brani sono costituiti da continui cambi di tempo, dissonanze, sinistri arpeggi, batteria e basso poco lineari e violente scariche di chitarra elettrica: ogni brano è una piccola suite, in continuo mutamento. Anche l'intervento della voce è più sostanzioso che nel disco precedente, con testi più criptici ed evocativi: McMahan è un narratore che interpreta le sue storie usando, senza distinzione, inermi sussurrii e grida disperate.

Spiderland comincia leggiadro con Breadcrumb Trail, forte di un ritornello enfatico.

Nosferatu Man (il cui titolo è ispirato al film muto del 1922 Nosferatu il vampiro, di Friedrich Wilhelm Murnau) è il brano dal ritmo più coinvolgente, con una progressione finale di accordi di chitarra distorti, a metà fra Punk rock e Heavy metal.

Don, Aman sperimenta il minimalismo con un piccolo concerto per soli chitarra e canto, mentre un forte coinvolgimento sentimentale si sente in Washer, guidato da un romantico arpeggio.

L'angosciante strumentale For Dinner... si conclude con una coda silenziosa ed epica.

Il finale Good Morning, Captain, reso esotico da una melodia dissonante, conclude l'album con una violenta scarica di accordi e feedback.

La copertina, una foto in bianco e nero scattata da Will Oldham,amico della band, riassume meglio di ogni cosa l'atmosfera del disco: i quattro membri degli Slint, immersi, probabilmente, in un lago, rivolgono sorridenti la testa verso l'obiettivo, mentre sullo sfondo si scorgono i ripidi e rocciosi argini, e un pezzo di cielo.

Spiderland venne accolto molto bene dalla critica, e divenne presto un album cult nella scena underground. Dopo la pubblicazione di Spiderland, gli Slint si sciolsero.


Artist

Gli Slint sono stati una rock band statunitense, in attività dal 1986 al 1992. Nonostante l'esigua discografia prodotta e lo scarso successo commerciale, sono considerati una delle band più influenti di fine anni ottanta ed inizio anni novanta oltre che tra le più grandi band nella storia del rock. Sono spesso categorizzati come una delle prime band post-rock.

Audio Breadcrumb Trail

Lyrics

I stepped out onto the midway
I was looking for the pirate ship
And saw this small, old white tent at one end
It was blue
And had white lights hanging all around it
I decided to check out the tent
It seemed like I could hear music coming from inside
As I walked toward it, I passed a crowd of people at the sideshow
I couldn't figure out why they would want to wait in line

I pulled back the drape thing on the tent
There was a crystal ball on the table
And behind it, a girl wearing a hat
She smiled, and asked me if I wanted my fortune read
I said okay
And sat down
Then I thought about it for a minute
And asked her if she would rather go on the roller coaster instead

Creeping up into the sky
Stopping at the top and
Starting down
The girl grabbed my hand
I clutched it tight
I said goodbye to the ground

Far below, a soiled man
A bucket of torn tickets at his side
He watches the children run by
And picks his teeth

Spinning round, my head begins to turn
I shouted, and searched
The sky for a friend
I heard the fortune teller
Screaming back at me
We stuck out our hands and met the winds

The girl falters as she steps down from the platform
She clutches her stomach, and begins to heave
The ticket-taker smiles, and the last car is ready
Who told you that you could leave?

The sun was setting by the time we left
We walked across the deserted lot, alone
We were tired, but we managed to smile
At the gate I said goodnight to the fortune teller
The carnival sign threw colored shadows on her face
But I could tell she was blushing

Testo

Sono uscito a metà strada
Stavo cercando la nave dei pirati
E ho visto questa piccola, vecchia tenda bianca a un'estremità
Era blu
E aveva luci bianche appese tutt'intorno
Ho deciso di controllare la tenda
Mi sembrava di sentire la musica provenire dall'interno
Mentre camminavo verso di esso, ho superato una folla di persone al baraccone
Non riuscivo a capire perché avrebbero voluto aspettare in fila

Ho tirato indietro la cosa del drappo sulla tenda
C'era una sfera di cristallo sul tavolo
E dietro, una ragazza con un cappello
Sorrise e mi chiese se volevo leggere la mia fortuna
Ho detto va bene
E si sedette
Poi ci ho pensato per un minuto
E le ha chiesto se invece preferiva andare sulle montagne russe

Strisciando verso il cielo
Fermarsi in cima e
A partire
La ragazza mi ha afferrato la mano
L'ho stretto forte
Ho detto addio al suolo

Molto più in basso, un uomo sporco
Un secchio di biglietti strappati al suo fianco
Guarda i bambini correre
E si stuzzica i denti

Girando, la mia testa comincia a girare
gridai e cercai
Il cielo per un amico
Ho sentito l'indovino
Urlando contro di me
Abbiamo teso le mani e incontrato i venti

La ragazza vacilla mentre scende dalla piattaforma
Si stringe lo stomaco e comincia ad ansimare
Il bigliettaio sorride e l'ultimo vagone è pronto
Chi ti ha detto che potevi andartene?

Il sole stava tramontando quando siamo partiti
Attraversammo il lotto deserto, da soli
Eravamo stanchi, ma siamo riusciti a sorridere
Al cancello ho dato la buonanotte all'indovino
L'insegna del carnevale proiettava ombre colorate sul suo viso
Ma potevo dire che stava arrossendo




Full Documentary




Live 2013




Live 1989