Suggestions

Nick Cave And The Bad Seeds – As I Sat Sadly By Her Side

Nick Cave And The Bad Seeds - As I Sat Sadly By Her Side

Rui Cardo Suggestions presenta grandi classici e perle nascoste, versioni ufficiali e live ricercati.

Enjoy! ­čśë




Nick Cave And The Bad Seeds - As I Sat Sadly By Her Side

Album

No More Shall We Part è l'undicesimo album discografico di Nick Cave and the Bad Seeds, pubblicato nel 2001.

Il disco

L'album rappresenta un notevole taglio rispetto al passato, sebbene intuibile dal lavoro precedente The Boatman's Call. Le atmosfere punk dei lavori precedenti tendono quasi a scomparire, lasciando il posto a una strumentazione basata soprattutto sul piano di Cave e il violino di Warren Ellis, e batterie spesso addirittura assenti.

Anche lo stile lirico si evolve, con Cave che, nelle parole dei pezzi del disco, tende a esporre frequenti citazioni di carattere religioso, anche questa una novità in qualche modo anticipata dal predecessore di No More Shall We Part.

I pezzi principali di questo album, da molti fan di Nick Cave interpretato come una rottura clamorosa col passato, da altri invece come una dovuta evoluzione, sono i singoli As I Sat Sadly by Her Side e Fifteen Feet of Pure White Snow, oltre a God is in the House, il pezzo ad essere eseguito più spesso dal vivo da questo lavoro discografico, che ha anche dato il nome a quello che finora è l'unico DVD live pubblicato dal cantautore australiano.


Artist

I Nick Cave and the Bad Seeds sono un gruppo fondato nel 1983 dal cantautore australiano Nick Cave.

Storia del gruppo

La band nacque nel 1983, su iniziativa del cantante Nick Cave e del polistrumentista Mick Harvey, entrambi già membri della rock band The Birthday Party, scioltasi in quello stesso anno, con lo scopo di supportare la carriera solista, come cantautore, di Cave.

Ai due si aggiunsero il chitarrista Blixa Bargeld, membro della già nota band Einst├╝rzende Neubauten, il chitarrista Hugo Race e il bassista Barry Adamson. Inizialmente la band si esibì col nome The Cavemen, cambiandolo dopo poco in Nick Cave and the Bad Seeds.


Nick Caveall'anagrafe Nicholas Edward Cave (Warracknabeal22 settembre 1957), è un cantautorecompositorescrittoresceneggiatore e attore australiano.

Grazie ad una serie di notevoli album e intense esibizioni dal vivo, ha coniato uno stile lirico e musicale inconfondibile, che lo ha imposto come una delle figure più influenti e carismatiche della musica contemporanea.

Dagli esordi post-punk ai lavori recenti, più vicini al cantautorato, Cave ha sviluppato una personalissima rielaborazione dei generi cardine della musica nata negli Stati Uniti (blues, gospel, country), affrontati con lo spirito cupo e sperimentale della new wave e del gothic rock, anche grazie alla sua caratteristica voce gutturale da baritono.

I suoi testi, attraversati da una forte tensione religiosa e da un costante senso di apocalisse imminente, affrontano tematiche quali il ruolo del divino nella vita dell'uomo, la ricerca della redenzione, l'angoscia esistenziale e l'amore perduto.

Video

Lyrics

As I sat sadly by her side
At the window, through the glass
She stroked a kitten in her lap
And we watched the world as it fell past
Softly she spoke these words to me
And with brand new eyes, open wide
We pressed our faces to the glass
As I sat sadly by her side

She said, "Father, mother, sister, brother,
Uncle, aunt, nephew, niece,
Soldier, sailor, physician, labourer,
Actor, scientist, mechanic, priest
Earth and moon and sun and stars
Planets and comets with tails blazing
All are there forever falling
Falling lovely and amazing"

Then she smiled and turned to me
And waited for me to reply
Her hair was falling down her shoulders
As I sat sadly by her side

As I sat sadly by her side
The kitten she did gently pass
Over to me and again we pressed
Our different faces to the glass
"That may be very well", I said
"But watch the one falling in the street
See him gesture to his neighbours
See him trampled beneath their feet
All outward motion connects to nothing
For each is concerned with their immediate need
Witness the man reaching up from the gutter
See the other one stumbling on who can not see"

With trembling hand I turned toward her
And pushed the hair out of her eyes
The kitten jumped back to her lap
As I sat sadly by her side

Then she drew the curtains down
And said, "When will you ever learn
That what happens there beyond the glass
Is simply none of your concern?
God has given you but one heart
You are not a home for the hearts of your brothers

And God does not care for your benevolence
Anymore than he cares for the lack of it in others
Nor does he care for you to sit
At windows in judgement of the world He created
While sorrows pile up around you
Ugly, useless and over-inflated"

At which she turned her head away
Great tears leaping from her eyes
I could not wipe the smile from my face
As I sat sadly by her side

Testo

Mentre le sedevo, triste, accanto
Alla finestra, attraverso il vetro
Lei si accarezzava un gattino in grembo
E guardavamo il mondo che passava oltre
Delicatamente mi disse queste parole
E con occhi nuovi, spalancati
Schiacciammo i nostri visi sul vetro
Mentre le sedevo, triste, accanto

Lei disse "Padre, madre, sorella, fratello
Zio, Zia, nipote,
Soldato, marinaio, medico, operaio,
Attore, scienziato, meccanico, prete
Terra e Luna, Sole e Stelle
Pianeti e comete dalle code fiammeggianti
Tutti sono lì che cadono in eterno
In una caduta amabile e folle"

Poi sorrise e si girò verso di me
E aspettò che io rispondessi
I capelli le cadevano sulle spalle
Mentre le sedevo, triste, accanto

Mentre le sedevo, triste, accanto
Lei mi passo gentilmente il gattino
E nuovamente poi prememmo
I nostri differenti visi contro il vetro
"Può essere vero così" dissi
"Ma guarda chi cade per strada
Guarda che gesticola coi suoi vicini
Guarda che viene calpestato
Tutti i gesti esteriori non servono a nulla
Perché ciascuno si preoccupa solo dei propri bisogni immediati
Osserva l'uomo che cerca di alzarsi dal marciapiede
Guarda l'altro che inciampa su chi non vede"

Con mano tremante mi girai verso di lei
E le scostai i capelli dagli occhi
Il gattino saltò di nuovo sul suo grembo
Mentre le sedevo, triste, accanto

Poi lei abbassò le tende
E disse "Quando imparerai
Che ciò che accade al di là di quel vetro
Semplicemente non ti riguarda?
Dio ti ha donato un cuore solo
Tu non sei il rifugio del cuore dei tuoi fratelli

E Dio non si cura della tua benevolenza
Più di quanto non si curi per la mancanza di essa negli altri
Nè si cura del fatto che uno se ne stia seduto
Alle finestre a giudicare il mondo che Lui ha creato
Mentre i dolori gli si accumulano accanto
Brutti, inutili ed esagerati"

E a quel punto lei voltò la testa dall'altra parte
Con grandi lacrime che le scorrevano dagli occhi
Non riuscii a cancellare il sorriso dal mio volto
Mentre le sedevo, triste, accanto.




Audio




Live 2001




Live 2001